top of page

70 anni di presenza dell'Ordine in Indonesia

Padre Alejandro Moral ci racconta in prima persona gli echi, le impressioni e le intuizioni raccolte durante la sua ultima visita in Indonesia

Oggi, lunedì 16 gennaio 2023, mi trovo a Manokwari, insieme a P. Anthony Banks (Assistente OSA per la Regione Asia-Pacifico) e P. Peter Jones (Priore Provinciale d'Australia), in attesa dell'arrivo del Vescovo, Hilarius, per celebrare la Messa di ringraziamento per i 70 anni di presenza dell'Ordine in queste terre indonesiane. È una giornata calda, nonostante la pioggia di questa mattina e il fatto che siano già le 16.00 del pomeriggio.


Si nota che tutti noi vogliamo celebrare il dono della presenza agostiniana qui. È un giorno di grande festa. Sono presenti i frati del Vicariato che sono potuti venire. I giovani e le signore preparano con entusiasmo e cura il cibo per il dopo messa. Ci sono molti bambini che ci guardano e sorridono e ci mandano un saluto di benvenuto e di amicizia.

Ringraziamo Dio per questa presenza dell'Ordine di Sant'Agostino che da 70 anni trasmette e condivide il suo carisma con la popolazione di un Paese complesso e variato come l'Indonesia. Oggi lo conosciamo meglio e notiamo maggiormente questa differenza perché siamo presenti in più luoghi, su isole molto diverse tra loro. Ma è in questa diversità che la comunione tra fratelli e sorelle e l'unità come centro del nostro carisma agostiniano possono manifestarsi al meglio.

Senza la grazia di Dio, come dice Sant'Agostino, nulla è possibile, ma con essa nulla è impossibile. E così, in questo periodo, sono passati di qui 22 frati della Provincia d'Olanda, che hanno fatto dono della loro vita. In tutte le missioni, le persone che decidono di andare nei diversi luoghi, normalmente si donano così generosamente da non nascondere o tenere nulla per sé. Lo stesso hanno fatto i nostri fratelli e sorelle olandesi in questi luoghi caldi vicino all'Equatore. Questi 22 agostiniani olandesi (di cui ora rimane solo p. Trump) furono accompagnati per un certo periodo da tre missionari spagnoli e due della Provincia di Cebu.



Oggi il Vicariato conta più di 30 formandi di voti semplici e solenni che studiano teologia, 3 diaconi e 3 impegnati in un anno pastorale. Circa 40 confratelli hanno completato l'intero periodo di formazione, la maggior parte dei quali sono sacerdoti. 4 novizi e un gran numero di postulanti e aspiranti.


Vorrei ringraziare tutti i missionari che hanno dato la loro vita in queste terre. In modo particolare alla Provincia d'Olanda che, seguendo la voce dello Spirito, ha avuto il coraggio e la forza di intraprendere questa avventura. Questa Provincia, che era presente in diversi luoghi per annunciare il Vangelo, era sempre molto generosa. Chiediamo a Gesù, il Figlio di Dio, di accompagnarli e che ora, anche se sono pochi e di una certa età, li aiuti a vivere la gioia di questa generosità che si ottiene solo quando si dà la vita completamente a Dio. Grazie anche all'ex Provincia del Santissimo Nome delle Filippine, che ha accompagnato questi tre fratelli, e alla Provincia di Cebu.

Oggi chiedo a tutti voi di pregare per i nostri fratelli che annunciano il Regno di Dio nelle scuole, nelle chiese e nelle parrocchie del Vicariato. Abbiamo certamente bisogno della forza che ci viene dallo Spirito Santo. Chiedo anche una preghiera per il rispetto della gente di questo grande Paese, che oggi è la quarta popolazione più numerosa del mondo, e per i suoi diritti. Che tutta la violenza scompaia e che le persone sappiano vivere come fratelli e sorelle.

Un abbraccio fraterno da Manokwari, Papua.


0 commenti

Comments


bottom of page