top of page

Intervista al cardinale Robert Prevost OSA: "Un vescovo deve soprattutto annunciare Gesù Cristo"

La mattina del 30 settembre, in Piazza San Pietro, 19 vescovi e 2 presbiteri sono stati creati cardinali della Chiesa cattolica da Papa Francesco. Tra questi, l'ex priore generale dell'Ordine di Sant'Agostino e vescovo di Chiclayo, e attuale prefetto del Dicastero per i Vescovi monsignor Robert Francis Prevost OSA


Il cardinale Prevost ha ricevuto la berretta cardinalizia accompagnato da P. Alejandro Moral Antón e dal suo consiglio, P. Miguel Ángel Orcasitas -ex generale dell'Ordine-, P. Anthony Pizzo -provinciale della Provincia di Chicago (circoscrizione di origine di monsignor Prevost)-, da vari provinciali e superiori e, in breve, da una folta rappresentanza di fratelli e sorelle della comunità agostiniana oltre che della sua famiglia di sangue e diocesana.


Nel suo breve intervento, P. Prevost, a nome di tutti i cardinali, ha parlato di come "la cosa fondamentale per ogni discepolo di Cristo è l'umiltà", sapendo che il nuovo compito affidato dal Papa ai nuovi cardinali è appunto "una chiamata all'umiltà". In vista dell'imminente inizio del Sinodo dei Vescovi, Prevost ha sottolineato che "essere una Chiesa sinodale che sa ascoltare tutti è il modo non solo per vivere personalmente la fede, ma anche per crescere nella vera fraternità cristiana" e che "la Chiesa è pienamente tale solo quando ascolta veramente, quando cammina come Nuovo Popolo di Dio nella sua meravigliosa diversità, riscoprendo continuamente la propria chiamata battesimale al fine di contribuire alla diffusione del Vangelo e del Regno di Dio". Infine, il Prefetto della Congregazione per i Vescovi ha chiesto a Francesco di pregare per i nuovi cardinali, affinché "aiutino a rendere la porta della Chiesa universale più pronta ad aprirsi, più veloce ad accogliere, più capace di ascoltare tutti".


Il giorno precedente, nel bel mezzo di un'agenda fitta di impegni, l'ufficio della Curia generale ha avuto l'opportunità di fare una tranquilla chiacchierata con lui, per conoscere il suo lavoro come Prefetto, la sua visione dell'episcopato, le sfide che la Chiesa deve affrontare oggi, in aggiunta a domande più personali, come il suo amore per il tennis, la lettura, le lunghe passeggiate e le chiacchierate con gli amici della comunità.



Monsignor Prevost, nel gennaio 2023 abbiamo appreso la notizia che Papa Francesco l'avrebbe nominata Prefetto alla guida del Dicastero per i Vescovi. Come ha accolto la notizia?


Il fatto che Papa Francesco mi abbia chiesto di accettare questa missione è stata una sorpresa per me. Facevo parte del Dicastero da diversi anni -dal 2020- e quando mi ha detto che stava "pensando a questa possibilità", ho detto al Santo Padre: "Lei sa che sono molto felice in Perù. Sia che decida di nominarmi o di lasciarmi dove sono, sarò felice; ma se mi chiederà di assumere un nuovo ruolo nella Chiesa, lo accetterò". E questo grazie al mio voto di obbedienza. Ho sempre fatto quello che mi veniva chiesto, sia nell'Ordine che nella Chiesa. E allora mi ha risposto: "Prega affinché io prenda una buona decisione". Ebbene, il resto è già noto. È un onore ricevere questo mandato ma, onestamente, è stato difficile per me lasciare Chiclayo dopo tanti anni -più di 20 in Perù- essendo felice di fare quello che facevo. Quindi, ora che sono tornato a Roma (una città che ovviamente conosco molto bene) mi ripeto ogni giorno: "Signore, tutto questo è nelle tue mani. Dammi la grazia di cui ho bisogno per portare a termine questo compito". E come ho cercato di fare durante tutta la mia vita religiosa, ho detto sì, avanti con la grande avventura di essere un seguace di Cristo!


Come si svolge la vita quotidiana all'interno del Dicastero?


Il Santo Padre ha, come parte del suo ministero, la responsabilità di nominare i vescovi, di scegliere chi sarà chiamato a essere uno dei successori degli apostoli. Il mio lavoro o, se volete, il mio servizio al Santo Padre e alla Chiesa è da un lato aiutare in questo processo di identificazione, di selezione di buoni candidati a vescovi in diverse parti del mondo. Non in tutte, ovviamente, perché in alcune di esse questo lavoro è svolto dal Dicastero per l'Evangelizzazione. Pertanto si può dire che la selezione dei vescovi è un aspetto molto significativo del mio lavoro. D'altra parte, uno dei compiti principali del Prefetto è quello di accompagnare i vescovi, gli uomini che vengono ordinati all'episcopato, nel momento in cui, come sacerdoti, fanno esperienza e progrediscono nella via del Signore. Il nostro compito è soprattutto quello di essere al loro fianco, cercando modi più efficaci perché i pastori del popolo di Dio sappiano di non essere soli. A questo scopo abbiamo portato avanti il corso per nuovi vescovi che si svolge ogni settembre qui alla Santa Sede. Offriamo anche ritiri e formazione permanente che possono aiutarli a governare e a prendersi cura del clero nelle difficoltà specifiche che devono affrontare.


Quale caratteristica fondamentale, secondo Lei, è necessaria per essere un buon vescovo?


Essere un buon pastore significa essere in grado di accompagnare il popolo di Dio e di vivere vicino a lui, non essere isolato. Papa Francesco lo ha detto chiaramente molte volte. Non vuole vescovi che vivono nei palazzi. Vuole vescovi che vivano in relazione con Dio, con il resto dell'episcopato, con i sacerdoti e soprattutto con il popolo di Dio in un modo che rifletta la compassione e l'amore di Cristo, creando comunità, imparando a vivere ciò che significa essere parte della Chiesa in un modo integrale che include molto ascolto e dialogo. Siamo quasi alla vigilia dell'apertura del prossimo Sinodo sulla sinodalità, il che significa riconoscere l'importanza di questo ruolo all'interno della Chiesa. Pertanto, il vescovo deve avere molte competenze. Deve sapere come governare, come amministrare, come organizzare e come essere in contatto con le persone. Ma se dovessi individuare una caratteristica al di sopra di tutte le altre, è quella che deve annunciare Gesù Cristo e vivere la fede in modo che i fedeli vedano nella sua testimonianza un incentivo a voler essere parte sempre più attiva della Chiesa che Gesù Cristo stesso ha fondato. In breve, aiutare le persone a conoscere Cristo attraverso il dono della fede.

A poche ore dall' essere stato creato cardinale, quali sono secondo lei le principali sfide che la Chiesa deve affrontare oggi per diffondere il Vangelo in una società sempre più miscredente?


La missione della Chiesa è la stessa da 2000 anni, quando Gesù Cristo disse: "Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato" (Mt 28,19). Dobbiamo proclamare la buona novella del Regno di Dio e allo stesso tempo comprendere cosa sia la Chiesa nella sua realtà universale. Questa è una delle cose che ho imparato quando ero priore generale degli agostiniani ed è stata certamente una grande preparazione per il ruolo che ho ora. Ci sono molte culture diverse, molte lingue diverse, molte circostanze diverse in tutto il mondo in cui la Chiesa risponde. Quindi, nell'elencare le nostre priorità e nel valutare le sfide che abbiamo davanti, dobbiamo sapere che le urgenze dell'Italia, della Spagna, degli Stati Uniti, del Perù o della Cina, per esempio, molto probabilmente non sono le stesse, tranne che per una cosa: la sfida di fondo che Cristo ha lasciato ai cattolici di predicare il Vangelo e che esso sia lo stesso ovunque. Le priorità del lavoro pastorale saranno sempre diverse in un luogo o in un altro, ma riconoscere la grande ricchezza della diversità del Popolo di Dio è tremendamente utile perché ci rende più sensibili a raggiungere e rispondere meglio a ciò che ci si aspetta da noi.


Come realizzare il compito della "nuova evangelizzazione" auspicato dagli ultimi Papi, soprattutto in Occidente, dove le vocazioni languono e i giovani sembrano sempre più lontani da ciò che la Chiesa ha da offrire loro?


Torniamo alla Giornata Mondiale della Gioventù di Lisbona. Lì ho avuto il privilegio di accompagnare Papa Francesco e ho potuto vedere migliaia di giovani alla ricerca di esperienze che li aiutassero a vivere la loro fede. È questo che viene prima di tutto. La nostra priorità non può essere quella di cercare vocazioni. La nostra priorità deve essere quella di vivere la buona notizia, di vivere il Vangelo, di condividere l'entusiasmo che può nascere nei nostri cuori e nelle nostre vite quando scopriamo veramente chi è Gesù Cristo. Quando continuiamo a camminare uniti a Cristo, in comunione gli uni con gli altri, in questa amicizia con il Signore e rendendoci conto di quanto sia grande aver ricevuto questo dono, nascono le vocazioni. È vero che in alcune parti del mondo in questo momento, per varie ragioni, ci sono meno vocazioni rispetto al passato. Questa è una preoccupazione naturalmente, ma non credo che sia la preoccupazione principale.


"Come agostiniano, avere una comunità ricca, costruita sulla capacità di condividere con gli altri ciò che ci accade, di aprirci agli altri, è stato uno dei grandi doni che mi sono stati fatti in questa vita". Cardinal Robert Francis Prevost OSA

Se impariamo a vivere meglio la nostra fede e impariamo a invitare e includere gli altri nella vita della Chiesa, soprattutto i giovani, ci saranno ancora delle vocazioni che verranno da noi. D'altra parte, credo che dobbiamo vedere i laici come laici. Questo è uno dei tanti doni che il tempo ci ha fatto negli ultimi anni: scoprire che hanno un ruolo molto importante nella Chiesa. Finché, come dice Papa Francesco, non assumono il ruolo del clero e non si "clericalizzano" e vivono a partire dalla loro vocazione battesimale ciò che significa essere parte della Chiesa, iniziamo a vivere con maggiore chiarezza. Credo che la testimonianza della vita religiosa, anche se in futuro sarà meno numerosa, abbia un valore capitale per ciò che comporta vivere quella dimensione di consacrazione, di dedizione totale della propria vita al Signore e al servizio degli altri. Il sacerdozio ha e continuerà ad avere un ruolo molto importante nella vita della Chiesa e di tutti i credenti. Pertanto, direi che sviluppare una comprensione più completa della Chiesa e continuare a vivere quel ministero, il ministero del sacerdozio, con la sua enorme saggezza, può aiutarci a vivere meglio le preoccupazioni che ci attendono e a rafforzare la certezza che continuiamo ad andare avanti, che il Signore non abbandona la sua Chiesa. Né ieri, né oggi, né domani. Personalmente, vivo questa realtà con grande speranza.



Secondo Lei, come si può armonizzare l'unità nella diversità?


È una sfida, senza dubbio, soprattutto quando la polarizzazione è diventata il modo di operare in una società che, invece di cercare l'unità come principio fondamentale, passa da un estremo all'altro. Le ideologie sono diventate più potenti dell'esperienza reale dell'umanità, della fede, dei diversi valori che viviamo. Alcuni fraintenderanno l'unità come uniformità: "Dovete essere uguali a noi". No, non può essere così. Come neanche la diversità può essere intesa come un modo di vivere senza criteri né ordine. Questi ultimi perdono di vista il fatto che dalla creazione stessa del mondo, il dono della natura, il dono della vita umana, il dono di tante cose diverse che viviamo e celebriamo, non può essere sostenuto inventando le mie regole e facendo le cose a modo mio. Queste sono posizioni ideologiche. Quando un'ideologia diventa, per così dire, il padrone della mia vita, allora non posso più dialogare con un'altra persona perché ho già deciso come andranno le cose. Pertanto, sono chiuso all'incontro e la trasformazione non può avvenire. E ciò può accadere in qualsiasi parte del mondo, su qualsiasi argomento. Questo ovviamente rende molto difficile essere Chiesa, essere comunità, essere fratelli e sorelle.



In che modo la figura di Sant'Agostino La aiuta nella sua vita quotidiana?


Una delle cose che mi vengono in mente quando penso a Sant'Agostino, alla sua visione e alla sua comprensione di ciò che significa appartenere alla Chiesa, è quello che dice che non si può dire di essere un seguace di Cristo senza essere parte della Chiesa. Cristo fa parte della Chiesa. Egli è il capo. Quindi, chi pensa di poter seguire Cristo "a modo suo" senza far parte del corpo è, purtroppo, una distorsione di quella che è un'esperienza autentica. Sant'Agostino ha una saggezza onnipresente che ci aiuta a vivere in comunione. L'unità e la comunione sono carismi essenziali della vita dell'Ordine e una parte fondamentale della comprensione di ciò che è la Chiesa e di ciò che significa essere nella Chiesa.


Ai seminaristi che si trovano negli anni della formazione e che potrebbero vivere un momento di debolezza o di dubbio nel loro discernimento vocazionale, cosa direbbe?


Suppongo che la prima cosa che direi sono le parole che Cristo ha ripetuto tante volte nel Vangelo: "Non abbiate paura". Il Signore chiama e la sua chiamata è vera. Non abbiate paura di dire sì. Non abbiate paura di aprire almeno il vostro cuore e, se volete, provate a vedere se il Signore vi chiama alla vita religiosa, alla vita agostiniana o al sacerdozio, o ad altre forme di servizio nella Chiesa. Ricordo che quando ero novizio un frate anziano che ci faceva visita disse semplicemente una parola che ancora risuona in me: "perseverate". Dobbiamo pregare per questa perseveranza perché nessuno di noi è esente da momenti difficili, sia che siamo sposati, single o agostiniani. Non possiamo arrenderci alla prima difficoltà perché altrimenti, e questo è importante, non arriverò mai da nessuna parte nella vita. La perseveranza è un grande dono che il Signore è pronto ad offrirci. Ma dobbiamo imparare ad accoglierlo e a farlo diventare vita, ad essere forti. È uno di quei doni che si costruiscono nel tempo, nelle piccole prove dell'inizio che ci aiutano a essere più forti, a poter portare la Croce quando diventa più pesante. È ciò che ci abilita e ci rende capaci di andare avanti.


Infine, cosa le piace fare quando ha un momento libero?


Mi considero un tennista dilettante. Da quando ho lasciato il Perù ho avuto poche occasioni per giocare a tennis, quindi non vedo l'ora di tornare in campo (ride). Anche se il mio nuovo lavoro non mi ha lasciato molto tempo libero per quello, fino adesso. Mi piace molto leggere, fare lunghe passeggiate, viaggiare, vedere posti nuovi e godermi la campagna in un ambiente diverso. Mi piace rilassarmi con gli amici e conoscere delle persone così diverse dai cui doni imparo e apprezzo molto. La verità? Come agostiniano, avere una comunità ricca, costruita sulla capacità di condividere con gli altri ciò che ci accade, di aprirci agli altri, è stato uno dei grandi doni che mi sono stati fatti in questa vita. Scoprire il dono dell'amicizia ci riporta a Gesù stesso. Avere la capacità di sviluppare amicizie autentiche nella vita è bellissimo. E penso che questo sia uno dei doni più meravigliosi, l'amicizia, che Dio ci ha dato.



0 commenti

Comments


bottom of page