top of page

Il Priore Generale visita gli Agostiniani del Convento di Intramuros a Manila

Prima del suo ritorno a Roma, il Priore Generale, dopo la celebrazione della novena del Santo Niño di Cebu, ha voluto stare con i frati agostiniani della giovane Provincia Agostiniana del Santissimo Nome di Gesù nelle Filippine



E stato il 16 gennaio quando, dopo aver avuto l'opportunità di rivisitare il Museo di Intramuros, che ospita parte del patrimonio e dell'eredità dei primi frati agostiniani arrivati a Manila insieme a Magallanes, il suo chiostro centenario e i suoi giardini e la nuova caffetteria in stile Starbucks che, accanto alla Chiesa di Sant'Agostino, contribuisce al sostentamento della comunità, P. Alejandro ha officiato la Messa per l'eterno riposo dei membri defunti dell'Ordine.


Peter Jones, Priore Provinciale dell'Australasia; P. Dante Bendoy, Priore Provinciale del Santissimo Nome di Gesù, P. Norman Abello, Maestro dei Professi e l'intera comunità di sacerdoti e seminaristi di Sant'Agostino.  



Il lavoro della Provincia nelle baraccopoli di Manila


Grazie al lavoro e al reddito generato dal poderoso progetto educativo del St. Augustine's College di Makati, nella cintura d'asfalto che circonda la gigantesca Manila, iniziative come le 32 cappelle di Baseco, dove è presente l'Ordine di Sant'Agostino, possono essere sostenute grazie alla guida delle donne che si occupano del loro sostentamento quotidiano e al sostegno pastorale di p. Randolf Celso Dayandayan, maestro dei postulanti della Provincia, che da 15 anni visita queste comunità settimana dopo settimana. 


Qui, tra le baracche di latta, tra i viali improvvisati di negozi in gabbia con i gabbiani che svolazzano e i cani e i gatti che chiedono un boccone, padre Randolph ha visto incarnati i valori e i principi che sono alla base della cattolicità delle persone più umili e semplici; In mezzo alle loro difficoltà - "la chiesa è allagata", "non abbiamo abbastanza per curare le famiglie e la festa del Santo Niño" - aprono le porte delle loro case, dei loro templi, e ci raccontano come vivono la loro fede. 



0 commenti

Comments


bottom of page