top of page

La Federazione Agostiniana d'Africa torna a celebrare la sua Assemblea Generale cinque anni dopo

Trentatré rappresentanti di alcuni istituti religiosi che fanno parte della Federazione Agostiniana dell'Africa si sono riuniti dal 6 al 10 marzo presso la Saint Monica's House, Mavurunza, a Dar Es Salaam, in Tanzania, per celebrare l'Assemblea Generale triennale.

Si è trattato della prima assemblea presenziale della Federazione a cinque anni dall'ultima riunione, ritardata, come molte altre riunioni e attività all'interno dell'Ordine, a causa della pandemia.


Comunione, partecipazione e missione


Sotto il tema "L'eredità agostiniana al servizio della Chiesa sinodale in Africa", i consacrati e le consacrate aggregati all'Ordine o in comunione con la Regola del Vescovo di Ippona hanno avuto l'opportunità di riflettere su identità, unità e comunità.


Il Consigliere generale per l'Africa, P. Edward Daleng, ha condiviso con noi alcune delle conclusioni tratte da questa Assemblea. "Ogni individuo scopre se stesso solo perché appartiene a un gruppo e mai in modo isolato o da solo. La sua unicità non viene assorbita dal gruppo, ma preservata e rafforzata in modo che egli si riconosca all'interno del gruppo. L' “io” nel “noi” è in dialogo reciproco senza essere distaccato o assorbito".

Con il Sinodo dei Vescovi alle porte, i religiosi agostiniani hanno affrontato proprio il tema della sinodalità e delle sue implicazioni "nelle nostre case, parrocchie e scuole" e del coinvolgimento dei laici e della Chiesa locale nel compito comune di portare la Buona Novella in ogni angolo della terra. "La sinodalità è qualcosa che viviamo da molto tempo nell'Ordine", ha sottolineato P. Daleng in una successiva conversazione. “È qualcosa che dobbiamo rafforzare".

Durante l'Assemblea c'è stata occasione di condividere riflessioni specifiche legate all'importanza di stimolare lo scambio di esperienze pastorali, lotte e sfide. "Noi religiosi agostiniani in Africa cerchiamo di promuovere la nostra vita e di rendere il nostro servizio alla Chiesa e all'umanità". Proprio l'Assistente generale per l'Africa, durante la sua relazione "La santità al servizio della Chiesa sinodale attraverso la Regola di Sant'Agostino", ha potuto sottolineare ciò che Papa Francesco ci incoraggia a fare: uscire verso le periferie per incontrare l'altro, che soffre e subisce le vicissitudini della vita in un mondo sempre più incredulo e privo di speranza. Altri interventi significativi tenuti in questi giornate di marzo sono stati quelli di Sr. Jacquiline Michel Etou, della congregazione di Notre Dame de l'Eglise, che ha parlato di "Amore fraterno al servizio della comunità: un approccio agostiniano al ministero della collaborazione tra consacrati in Africa" e di p. Kolawole Chabi OSA, che ha parlato di "Il bene comune nella Regola di Sant'Agostino".


"È stato un momento intenso, pieno di condivisione e partecipazione. Nello spirito della sinodalità, è stato preso l'impegno e la risoluzione di vivere e lavorare di più in comunione attraverso l'amore dei nostri fratelli e sorelle, come modo migliore per celebrare il sinodo", ha detto P. Edward Daleng.

È stato preso l'impegno e la risoluzione di vivere e lavorare di più in comunione attraverso l'amore dei nostri fratelli e sorelle. P. Daleng

Approvazione degli statuti


Durante l'Assemblea sono stati rivisti e approvati gli statuti della Federazione e sono stati eletti i nuovi responsabili che guideranno la Federazione nei prossimi anni.


Le congregazioni religiose rappresentate all'Assemblea erano: lo stesso Ordine di Sant'Agostino; le Suore di Sant'Agostino del Benin; le Suore di Notre Dame de l'Église del Togo; le Suore dei Servi di Gesù e Maria, le Suore di Maria Kakamega del Kenya e le Suore Missionarie Agostiniane.




0 commenti

コメント


bottom of page