top of page

Agostiniani a Filadelfia: alla scoperta della prima casa dei frati agostiniani negli Stati Uniti

La "Città dell'Amore Fraterno", il soprannome con cui è conosciuta Philadelphia, sembra un nome appropriato per quella che fu la prima casa dei frati agostiniani negli Stati Uniti


Il Paese non era ancora "gli Stati Uniti" quando due agostiniani irlandesi, i padri John Rosseter OSA e Matthew Carr OSA, arrivarono a Filadelfia nel 1794 per mettere radici che si estendono fino ai giorni nostri.


Filadelfia rimane un centro del ministero agostiniano, con quattro parrocchie vivaci, il Santuario nazionale di Santa Rita da Cascia, l'Associazione Agostiniana per i Diritti dei Poveri (A.D.R.O.P.) e i suoi numerosi ministeri aggiuntivi, che illustriamo con le informazioni fornite dalla Provincia di San Tommaso di Villanova. 


Ufficio di Giustizia e Pace, di p. Jeremy R. Hiers


"Penso che la parte più bella della vocazione agostiniana sia l'opportunità di vivere e dissetarsi da un'antica tradizione", dice p. Jeremy R. Hiers dell'Ufficio Provinciale di Giustizia e Pace.


"Siamo chiamati a formare comunità di giustizia e di pace attraverso un autentico amore cristiano, vivendo e lavorando per il bene comune di tutti". "La nostra Provincia ha la fortuna di avere numerosi ministeri che testimoniano questo. Le nostre parrocchie creano comunità e svolgono un ministero a sostegno dei bisogni specifici dei loro quartieri. Le nostre scuole aiutano i futuri leader della nostra società a imparare come applicare la nostra tradizione alle questioni di giustizia e di pace dei nostri giorni". 


La cura e il rinnovamento sono spesso prerequisiti per la giustizia e la pace, come riconosce padre Hiers.  "Quando guardiamo ai molti problemi che la nostra società affronta oggi, vediamo un mondo che soffre di una mancanza di pace perché c'è una mancanza di giustizia. Questo è il nostro momento di testimoniare qualcosa di molto migliore, proprio come fece Agostino 1.600 anni fa. Anche tutti noi che serviamo in questi ministeri ne siamo trasformati e la nostra vita comune continua a rafforzarsi. Nei nove anni in cui ho vissuto lo stile di vita agostiniano, sono stato personalmente testimone di questo effetto più e più volte. 



Il Santuario Nazionale di Santa Rita da Cascia: "Nessuno è estraneo a un agostiniano"


Nel cuore di South Philadelphia, a un miglio dal municipio, in una modesta ma storica chiesa cattolica di Broad Street, si trova l'oasi spirituale del Santuario di Santa Rita da Cascia. 


Fondato nel 1907, è una fonte inesauribile di spiritualità agostiniana che racconta la storia di Santa Rita e nella quale migliaia di visitatori possono identificarsi ogni anno. 


"Il Santuario si impegna a servire le esigenze della comunità locale, ma anche a raggiungere i cuori e le menti dei devoti e dei futuri fedeli di tutto il Paese", afferma Jonathan Jerome, rettore del Santuario.


Ogni anno, pellegrini provenienti da ogni Stato e da molti altri Paesi si recano a South Philadelphia per onorare Santa Rita e chiedere la sua potente intercessione. Una delle poche sante della nostra tradizione cattolica che ha vissuto ogni vocazione cristiana, Santa Rita è conosciuta come la patrona dei casi impossibili. Ha infranto le aspettative sociali quando ha negoziato un accordo di pace tra la sua famiglia e quella che aveva assassinato suo marito più di 600 anni fa. 


"In tutto questo tempo, il suo esempio di perseveranza e riconciliazione ha ispirato milioni di persone in tutto il mondo a conoscere, amare e servire Dio in modo più completo", osserva padre Jerome.


“Nessuno è estraneo a un agostiniano”

Oggi, la sua eredità è particolarmente evidente attraverso gli impegni ministerali e la programmazione pastorale del Santuario. Non è una parrocchia, ma il Santuario offre opportunità quotidiane di assistere alla Messa e di partecipare al Sacramento della Riconciliazione. Non è un centro comunitario, ma il Santuario offre un luogo sicuro per la consulenza e la guarigione psico-spirituale. Non è una scuola, ma il Santuario offre ritiri e pellegrinaggi per studenti e adulti di ogni età. Nessun altro ministero o chiesa offre accesso ai sacramenti, alla consulenza e alla formazione come il Santuario, e lo fa ogni giorno dell'anno! 


Come ha detto un frate, grazie ai nostri diversi ministeri, "nessuno è un estraneo per un agostiniano". 


Lavorando per il bene comune di tutti, ci avviciniamo a Dio e gli uni agli altri.


La parrocchia di St. Augustine, che il presidente Washington ha aiutato a costruire, di P. William F. Waters, O.S.A., Parroco 


È impossibile parlare degli Agostiniani a Filadelfia senza parlare della parrocchia di Sant'Agostino nella Old City. Fondata nel 1796, è stata la prima sede permanente dell'Ordine di Sant'Agostino negli Stati Uniti. 


Padre William F. Waters, parroco di St. Augustine, racconta questa storia unica nella Provincia di Villanova. 


Il presidente George Washington, il commodoro John Barry e il mercante Stephen Girard contribuirono ai fondi per la costruzione della chiesa originale, che fu completata nel 1801. La chiesa ospitava la campana gemella della Liberty Bell, che era appesa al campanile quando la chiesa fu distrutta dai disordini anticattolici nel 1844 e, dopo 175 anni di viaggio, fu riportata alla sua sede originale.


Nel 1847 fu completata una nuova chiesa, che si trova ancora oggi. I suoi bellissimi affreschi sul soffitto sono i più antichi di qualsiasi edificio religioso degli Stati Uniti e le pareti sono decorate con otto grandi dipinti che raffigurano la vita di Sant'Agostino. Oltre alla sua bellezza, la parrocchia ha due cori ed è rinomata per il suo programma musicale e per le sue omelie.

La più grande celebrazione del Sinulog al di fuori delle Filippine


Nel 1992 è stato istituito il Santuario del Santo Niño di Cebu. Il Santo Niño, un'immagine di Gesù Bambino realizzata da artisti fiamminghi all'inizio del XVI secolo e portata nelle Filippine dall'esploratore portoghese Ferdinando Magellano, è l'oggetto sacro più venerato dai cattolici filippini ed è accreditato di innumerevoli miracoli. Da quando è stato fondato il santuario, Sant'Agostino è diventato un centro di attività filippine nell'area dei tre Stati. Ogni agosto, la parrocchia celebra la festa del Sinulog con una novena e una processione in tutta la Città Vecchia. 


Con una partecipazione di migliaia di persone, è la più grande celebrazione del Sinulog al di fuori delle Filippine. La parrocchia ha anche una vivace comunità giovanile, che si riunisce il primo sabato di ogni mese. Ogni anno vengono celebrati circa 50-60 matrimoni, e negli ultimi nove anni circa 30 tra uomini e donne sono sottoposti al processo di iniziazione cristiana per diventare cattolici. 


Il National Catholic Reporter ha notato nel 2017 che la parrocchia ha integrato molte delle iniziative di Papa Francesco. Tra gli altri ministeri, la parrocchia serve due volte al mese cene agli ospiti della Gift of Life Family House, un'organizzazione senza scopo di lucro che coordina trapianti che salvano e migliorano la vita, sostenendo i generosi donatori e le loro famiglie che hanno scelto di dare ad altri una seconda possibilità attraverso la donazione di organi. 


La parrocchia affitta parte dei locali alla casa di accoglienza Women of Hope, che serve le donne affette da malattie mentali croniche e precedentemente senza fissa dimora,  all’associazione Vagabond, che prepara i giovani adulti a servire come missionari cattolici, oltre ad avere un centro multi-servizi per veterani.



"Spezzare il pane" nelle sale della parrocchia di San Paolo, di p. Paul W. Galetto


La parrocchia di San Paolo si definisce "l'anima del cuore del mercato italiano". 


Fondata nel 1843, a un isolato dal famoso 9th Street Market, era una delle tre chiese che servivano la comunità italo-americana di South Philadelphia. Le altre due, Our Mother of Good Counsel e St. Mary Magdalene de Pazzi, si sono fuse con St. Paul rispettivamente nel 1933 e nel 2000. È interessante notare che Nostra Madre del Buon Consiglio era stata una parrocchia agostiniana, ma la nuova parrocchia unita non vide più un agostiniano fino alla mia nomina a parroco nel 2022.


I parrocchiani hanno accolto gli agostiniani a braccia aperte. Lo scorso novembre, il priore provinciale, p. Rob Hagan, O.S.A., con vent'anni di servizio al popolo di St. Paul e St. Mary Magdalene de Pazzi, è stato premiato con un evento nella bellissima ballroom annessa. La nostra parrocchia è in costante crescita. Quasi ogni mese abbiamo un fine settimana di benvenuto e ogni fine settimana ha un tema gastronomico diverso. I parrocchiani cucinano e cucinano per poter spezzare il pane tra di loro e celebrare la famiglia parrocchiale. L'età media è di circa 35 anni e questo gruppo di giovani ha ispirato uno sforzo che chiamiamo "The Mix", che cerca di riunire giovani professionisti e neolaureati per celebrare la loro fede e ad aiutarci a guidare il futuro della Chiesa. Sono impegnati nella loro fede.


0 commenti

Comentarios


bottom of page