top of page

Messaggio natalizio del Priore Generale dell'Ordine di Sant'Agostino: "Viviamo il silenzio e l'umiltà in cui arriva il Bambino"

Padre Alejandro Moral Antón si è rivolto a tutta la famiglia agostiniana per augurare un buon Natale e per condividere con tutti noi che in questo contesto di "guerra, situazioni politiche disumane e repressione", "l'amore" è capace di "cambiare tutto" o "per meglio dire, l'amore ci porta ad affrontare tutto in modo diverso". "La speranza che viene dall'amore ci aiuta a vedere come grazia ciò che prima non aveva senso". Qui sotto il messaggio completo


Cari fratelli, sorelle e laici agostiniani:


Durante il periodo di Avvento abbiamo ripetutamente invocato: Vieni, Signore Gesù! È un desiderio profondo che, con l'avvicinarsi del 24 dicembre, cresce anche nei nostri cuori.


Raramente ho visto questo desiderio della venuta del Messia espresso in modo così forte tra i credenti di diverse parti del mondo. Penso che sia forse in parte dovuto al disincanto causato dalle guerre, dal crescente divario tra ricchi e poveri, dal numero crescente di migranti e rifugiati a causa di situazioni politiche disumane e di repressione.... Ancora una volta abbiamo sprecato la speranza in progetti umani, sempre troppo egoistici, invece di riporla nell'unico che non delude e la cui Parola non passa mai.


Di fronte a queste tenebre, la venuta del Signore appare come una vera stella di luce e una nota di speranza. Davanti ad essa, il cuore apre le sue porte per ricevere il Figlio di Dio ed essere riempito del suo amore. La gioia trabocca e viviamo questo tempo come un vero dono. Come salvezza. 


Oggi, come 2000 anni fa, dobbiamo avere l'atteggiamento che portò i pastori ad ascoltare la voce e il canto degli angeli. Il silenzio è l'atteggiamento che ci aiuterà a ricevere un messaggio di cui abbiamo sete. Abbiamo sete di fraternità. Abbiamo sete di amore. Abbiamo sete di Dio. Abbiamo bisogno di sentire la parola Pace. Viviamo il silenzio e l'umiltà in cui arriva il Bambino.



"In questo Natale vi invito a essere persone di Pace". 

Avviciniamoci a Lui con semplicità. Con un cuore aperto. Abbiamo bisogno di guarire i nostri cuori con l'amore di Dio che ci trasmette e ci dona suo Figlio. L'esperienza dell'amore gratuito ci rinnova, ci rende più noi stessi, ci aiuta nella relazione con gli altri. Siamo affamati di buone notizie e questa è la migliore di tutte perché nell'Incarnazione scopriamo che Dio è Amore.


L'incontro con Lui ci porterà a rinnovare la nostra speranza. A vedere la nostra vita, gli altri e il mondo in modo nuovo. Viviamo questo momento, questo incontro, con profondità e gratitudine. Dio si abbassa, diventa uomo. Un altro come noi. Ci solleva. Assume la nostra natura umana per portarci a Dio. Ci libera da tutti i mali. Con lui le tenebre scompaiono, diventano luce. Ora vediamo la strada. Ora possiamo andare avanti senza paura di cadere. Non siamo più ciechi perché Lui è la luce.


L'amore cambia tutto: la malattia, la povertà, l'egoismo e la tristezza, il dolore... in altre parole, l'amore ci fa affrontare tutto in modo diverso. La speranza che nasce dall'amore ci aiuta a vedere come grazia ciò che prima non aveva senso.


Con la venuta di questo Bambino, gli angeli annunciano la pace: "Pace in terra agli uomini di buona volontà". La pace è il dono più desiderato, ma ci sfugge così facilmente perché l'orgoglio non ci permette di vivere nel dialogo e nella fraternità, in comunione e mossi dai sentimenti più umani e profondi del nostro essere. In questo Natale vi invito a essere costruttori di Pace. Lavoriamo per la Pace, per la Pace interiore, per essere persone di Pace, per la Pace tra tutti gli uomini.  


Che l'Amore di Dio ci aiuti a vivere come veri fratelli e sorelle. Nella Pace. Costruendo la Fraternità e la casa comune che il Creatore ci ha dato.


Buon Natale a tutti, cari fratelli, sorelle e laici agostiniani!


P. Alejandro Moral Antón


Priore Generale OSA



0 commenti

Comments


bottom of page