top of page

Madri-Monica: un apostolato per rivitalizzare e sostenere la famiglia



L'iniziativa riunisce gruppi di madri che pregano per i propri figli, per i propri mariti e per le proprie famiglie


In occasione di un evento organizzato dalla Asociación de Madres Cristianas Santa Mónica e dalla Editorial Ciudad Nueva sono stati presentati il 16 maggio a Oviedo (Spagna) i due libri Tus hijos volverán e En familia con santa Mónica, di P. Manuel Morales OSA.


L'evento, tenutosi nell'auditorium della parrocchia del Cuore di Maria di Oviedo, ha avuto un'atmosfera decisamente familiare. Vi hanno partecipato circa 60 persone, soprattutto madri di famiglia, ma anche alcuni genitori e giovani.


Dopo il saluto iniziale di Marta Riol, promotrice dei "cori delle madri di Santa Monica" di Oviedo, Ana Hidalgo, curatrice dei due libri e rappresentante della casa editrice, ha presentato la figura del loro autore principale, P. Manuel Morales, con un breve video in cui egli stesso illustra la sua opera, e ha dedicato alcune parole anche a P. Santiago Insunza OSA, che ha presentato la sua opera. P. Santiago Insunza ha collaborato al secondo libro, En familia con santa Monica, con due capitoli, uno sulla spiritualità agostiniana e l'altro sulla figura di santa Monica attraverso le Confessioni di sant'Agostino.



Una vita di preghiera in famiglia nutre la Chiesa di vocazioni


La parte centrale dell'evento è stata dedicata alla testimonianza di alcuni genitori che, grazie alla loro fede e alla loro preghiera in anni di dure prove, hanno ottenuto dal cielo la conversione del loro figlio, che ora è sacerdote.


È seguita una breve presentazione dell'Associazione delle Madri Cristiane di Santa Monica di Oviedo, a cura di Marta Riol, e un vivace colloquio con vari interventi e domande da parte del pubblico, in un evento dinamico e ben accolto.


P. Manuel Morales, autore di questo variegato coro di madri e testimonianze, ci racconta le origini del suo impegno in questo movimento. "È stato per commemorare i quattrocento anni della presenza degli agostiniani a Cadiz, nel 2017, quando abbiamo avuto l'idea di promuovere i gruppi di Madri-Monica in parrocchia. In poco tempo - continua p. Manuel -, abbiamo potuto constatare che l'idea era un'ispirazione, che la "causa" si stava sviluppando ed estendendo oltre le nostre aspettative. Prima, Cadiz, poi El Puerto de Santa María, Jerez, Campo de Gibraltar... Poi, attraverso amicizie e legami, sempre in accordo con i parroci, a Madrid, Córdoba, Gerona... Questo delle madri che "scendono dall'altare" da Santa Monica, la tengono per mano e pregano con lei per la famiglia e la fede dei loro figli, sentendola come sorella, intercessore, moglie e madre esemplare, è chiaramente fecondo, attuale, gradito a Dio", conclude uno dei più tenaci promotori di questa iniziativa, di cui anche la Commissione per l'Apostolato e l'Evangelizzazione dell'Ordine -presieduto da p. Javier Pérez Barba- ha iniziato a farsi carico per contribuire a farla conoscere dove non è ancora conosciuta e ad aiutarla a radicarsi dove non ha ancora attecchito. "perché svolgono un esercizio di fede ammirevole, hanno il Signore come priorità e mettono la preghiera e la grazia di Dio al posto che spetta loro in un mondo, anche quello più vicino a noi, in cui, come dice una delle madri, la preghiera non è quasi mai la prima risorsa per affrontare il passo successivo della vita, ma l'ultima".


"Un aiuto in più di preghiere"


Questa stessa cosa che P. Manuel sottolinea è qualcosa di cui Gema Sáez, una madre di uno dei gruppi di Madrid, ha potuto fare esperienza palpabile.


È un'esperienza preziosa che mi permette, personalmente, di riposare sapendo che i miei figli sono "pregati" da altre madri che si trovano nello stesso momento vitale in cui mi trovo io, con le loro difficoltà quotidiane", dice Gema.


"Sono molto commossa dalla storia di Santa Monica. Prima, per me, era la madre di Sant'Agostino, ma quando sono diventata madre ho capito il suo vero ruolo. Finché non si incarna in prima persona ciò che significa essere madre, non si comprende la dimensione della preghiera per i propri figli e per il resto dei figli del gruppo. Ha significato un'enorme crescita personale e spirituale che mi ha aiutato a testimoniare come l'insistenza e la costanza nella preghiera portino frutto", dice Gema. "Il mio cuore è agostiniano. Lo abbiamo molto presente nei nostri cuori. E Santa Monica... Tra tutte le grandi sante, per me è nella top 5".


Un'esperienza di totale appartenenza alla Chiesa


Pregare, se possibile, davanti a un tabernacolo con i nomi delle persone per cui si prega; condividere film, libri e attività speciali durante il Natale e la Settimana Santa o viaggiare a Roma, in Terra Santa o a Fatima sono alcune delle attività che il gruppo di Marisa Puente, responsabile di uno dei gruppi di Madres Monicas facenti capo alle monache agostiniane di San Alonso de Orozco, ha realizzato.


"Siamo sette madri e ogni giorno della settimana tocca a una madre pregare per i figli del gruppo", racconta Marisa Puente. "Madri-Monica ci aiuta a essere madri migliori, coniugi migliori e cristiani migliori. Ci aiutiamo a vicenda, preghiamo l'una per l'altra e ci occupiamo delle necessità che possono sorgere".


Alla domanda sui legami comunitari che si creano in questi incontri e reti di preghiera, Marisa riconosce che "c'è una profonda amicizia".


"Per me è un'esperienza di totale appartenenza alla Chiesa. Dobbiamo vivere la nostra fede in comunità. Senza di essa, è molto difficile viverla". "Sapere che c'è sempre qualcuno che prega per i nostri figli ogni giorno è qualcosa di molto grande, dove la grande forza della preghiera è palpabile".


0 commenti

Comments


bottom of page