top of page

Il coro del Monastero Reale di El Escorial canta durante la Messa di San Pietro

A metà giugno, il coro agostiniano del Monastero Regale di El Escorial ha visitato per alcuni giorni la città di Roma e il Vaticano

Non sono molti i gruppi corali che hanno la fortuna di cantare una messa in San Pietro. È quello che è successo ai ragazzi di El Escorial durante il loro ultimo soggiorno nella Città Eterna, dove hanno potuto sfoggiare le loro "voci bianche" in uno dei luoghi più caratteristici della cristianità.


“Li ha riempiti di molto orgoglio e soddisfazione cantare là”, afferma P. Juan Pereña, direttore del coro dell'Escorial, il quale ha raccontato cosí cosa ha significato per i ragazzi questa esperienza: "I viaggi sono sempre uno stimolo importante: perché si va all'estero e perché si fa conoscere il proprio talento in altri Paesi".


Questa avventura musicale, che ha contato sulla vicinanza e l'accompagnamento del Priore Generale, il quale ha potuto condividere un incontro con i ragazzi sulla terrazza della Residenza Paolo VI, dove hanno eseguito alcuni brani, ha avuto come altro momento saliente il concerto nella chiesa di Sant'Ignazio. "Lì hanno visto ampiamente riconosciuto il loro sforzo e la loro dedizione di tutto l'anno, considerando l'entusiasmo del pubblico". Con i banchi gremiti, nonostante fossero le 21.00 di sera, i ragazzi hanno potuto divertirsi e mostrare le loro capacità ai fedeli italiani.


P. Juan racconta che, nonostante il fitto calendario di visite e impegni, il viaggio non è stato privo dei classici momenti di gelato, scherzi e complicità. "Rafforza i legami tra i bambini", dice il direttore dell'Escolania. "Per alcuni di loro era la prima volta che salivano su un aereo. Era dai tempi della pandemia che non viaggiavamo fuori dal monastero, quindi posso dire che il risultato è stato molto soddisfacente e proficuo".



"Evidenziare il valore di quest'opera unica all'interno dell'Ordine"


"Il coro del Monastero di El Escorial è un'opera unica all'interno dell'Ordine, di cui vanno valorizzate l'eccellente formazione umana e la qualità artistica dei coristi", assicura P. Javier Pérez Barba, Assistente generale per l'Europa meridionale e conoscitore del lavoro che sia P. Pereña che P. Pedro Alberto Sánchez - maestro di cappella del coro - stanno svolgendo.


0 commenti

Comments


bottom of page