top of page

Il Capitolo ordinario del Vicariato del Kenya si è svolto tra spiritualità e celebrazioni

Il secondo Capitolo ordinario del Vicariato del Kenya si è tenuto dal 4 al 9 dicembre presso la Mazzanti House di Karen, Nairobi. Hanno partecipato circa trenta frati del Vicariato di Santa Rita.


Gruppo di tutti i frati presenti al Capitolo

P. Alejandro Moral, Priore Generale, ha partecipato a distanza alle sessioni del Capitolo in videoconferenza. Nel suo intervento ha ringraziato i frati per la loro "disponibilità, sacrificio, testimonianza e servizio nelle varie comunità del Kenya", soprattutto in situazioni difficili. Allo stesso modo, ha evidenziato tre aree chiave che i membri del Vicariato dovrebbero prendere sul serio: il rafforzamento della vita comunitaria, l'interiorità e l'autosostenibilità economica. 


Ulteriormente, il Priore Generale ha chiesto ai frati di dedicare tempo all'interiorità, un aspetto essenziale della vita agostiniana, sottolineando che la cura del cammino interiore ci permette di essere vicini a Dio, di ascoltarlo, di dialogare con Lui e di condividere la ricchezza di questo incontro tra i frati e anche con le persone che servono. Ha anche sottolineato la necessità che i frati lavorino per il bene comune e mettano in comune le loro risorse per la crescita e l'autosufficienza economica del Vicariato. 


P. Robert Karanja Ireri è stato eletto come Vicario Regionale per altri quattro anni,ha ringraziato il P. Alejandro per il suo accompagnamento come guida spirituale dell'Ordine, così come quello del Consiglio Generale e dell'Ordine. 


Un Capitolo ordinario in spirito di fedeltà e servizio


Il secondo giorno del Capitolo è stato dedicato al raccoglimento sotto la guida di Don Luciano Labanca, Segretario della Nunziatura Apostolica. Nella sua riflessione, incentrata su Le sfide della vita religiosa: una visione secondo il Diritto Canonico, ha incoraggiato i frati a vivere il Vangelo nella difesa, salvaguardia e protezione dei minori e degli adulti vulnerabili. Allo stesso modo, ha invitato i frati a guardare all'approccio adottato dalla Chiesa per contribuire alle comunità locali del popolo di Dio in questa parte dell'Africa orientale. 


È seguita la celebrazione dell'Eucaristia per l'invocazione dello Spirito Santo, presieduta da P. Edward Daleng, Assistente Generale per l'Africa. Nella sua omelia ha sottolineato come lo Spirito Santo, dono dell'amore e della fedeltà di Dio, ci unisce nella nostra diversità per riflettere la comunione della Trinità divina che è la fonte della missione agostiniana. Ha anche esortato i frati a rimanere fedeli e ad essere coraggiosi nella speranza, affinché le persone affidate alle loro cure pastorali possano sperimentare la presenza di Cristo in mezzo a loro, specialmente in questi tempi difficili di difficoltà sociali ed economiche. 


Infine, i membri del Vicariato hanno delineato nelle loro decisioni i nuovi piani per i prossimi quattro anni. Questi includono il servire con maggiore determinazione soprattutto nel settore dell'istruzione, in vista della trasformazione sociale attraverso l'apostolato parrocchiale, l'area principale in questa parte del Kenya. 



Posa della prima pietra per la costruzione del Centro educativo di Sant'Agostino. 


Nell'ambito delle celebrazioni del Capitolo ordinario, lunedì 11 dicembre si è svolta la cerimonia di posa della prima pietra per la costruzione del Centro educativo Collegio di Sant'Agostino a Kisumu. La cerimonia è stata presieduta da P. Edward Daleng, OSA, Assistente Generale, alla presenza di P. Robert Karanja Ireri, Vicario Regionale, P. Patrick Barasa, direttore del progetto, di P. Stanislaus Wamache Makhoka, Priore della comunità e amministratore del progetto, P. Solomon Bitali, contabile del progetto, P. Joseph Oduor, parroco e membro del comitato del progetto. Insieme a loro era presente anche il costruttore del progetto, alcuni della sua squadra di operai e alcuni abitanti del luogo, soprattutto leader laici e membri della comunità religiosa.



P. Edward Daleng, che ha pronunciato il rito di benedizione, ha anche spiegato l'importanza del progetto per la comunità locale e per la Chiesa, come parte della missione di evangelizzazione dell'Ordine, contribuendo all'educazione e allo sviluppo dei bambini e dei giovani, le future generazioni, per la trasformazione sociale. Infine, sono stati ringraziati il Priore Generale e il suo Consiglio, la Fondazione Sant'Agostino della California, la Provincia d'Irlanda, la Conferenza Episcopale Italiana, la Fondazione Agostiniani nel Mondo e tutto l'Ordine per il sostegno finanziario al progetto. 



Comentários


bottom of page