top of page

IA e sinodalità: parliamo con monsignor Cadenas, agostiniano, dell'ultimo corso per nuovi vescovi

Nella seconda settimana del mese di settembre, presso il Collegio San Paolo di Roma, si è svolto il corso di formazione per nuovi prelati in territori di missione


Organizzato dal Dicastero per i Vescovi, in collaborazione con il Dicastero per l'Evangelizzazione, 125 vescovi provenienti dall'Asia e dall'Africa -ad eccezione di tre prelati dell'Ispano America- hanno potuto affrontare in questi giorni un'ampia gamma di argomenti. Si è spaziato dalle sfide dell'intelligenza artificiale nella sfida evangelizzatrice al ministero del vescovo nel contesto del cammino della Chiesa nel mondo, passando per temi di attualità come "il governo pastorale dei vescovi in una Chiesa sinodale", "il servizio al popolo di Dio", "la comunione cattolica con tutte le Chiese" e "l'identità sinodale del vescovo in una Chiesa sinodale".


Nelle parole di monsignor Miguel Angel Cadenas Cardo OSA, vicario apostolico di Iquitos, che dal maggio 2021 è incaricato di guidare questo territorio ecclesiastico nella giungla amazzonica, "è stata una profonda esperienza di cattolicità".


Il cambiamento delle "dinamiche”


"Abbiamo potuto apprezzare come la Chiesa si stia organizzando per raggiungere territori dove prima era più complicato essere", sottolinea padre Miguel Ángel. "Quello che vedo è un radicamento sempre più forte della Chiesa, soprattutto in Africa e in Asia, con una grande crescita di cattolici, il che significa uno scenario completamente diverso. Credo che nei prossimi decenni la Chiesa in questi territori sarà molto più forte di quella europea, e questo cambierà necessariamente alcune dinamiche".


Accompagnato da Paolo Ruffini, prefetto del Dicastero per le Comunicazioni sociali, P. Miguel Ángel ha condiviso con l'Ufficio comunicazioni della Curia generale le preoccupazioni e le opportunità dell'intelligenza artificiale, la cui irruzione negli ultimi anni si sta rivelando decisiva in settori come le telecomunicazioni, l'istruzione e la politica.


"Ricordo che un vescovo africano ha rivolto al Prefetto una questione che ho trovato molto interessante. Diceva: 'Beh, noi viviamo in situazioni drammatiche e per noi è più importante occuparci della sofferenza che dell'intelligenza artificiale'. E la risposta del prefetto è stata: ‘Non si può negare. Ma l'intelligenza artificiale continua a influire su quei territori che non hanno ancora la copertura telefonica’". "Credo sinceramente -continua P. Cárdenas- che questa sia una grande sfida per la Chiesa. E naturalmente mi colpisce la chiarezza con cui stanno affrontando la questione, perché anche Francesco ha già annunciato che la Giornata mondiale della pace del 1° gennaio 2024 sarà proprio sull'argomento dell'IA".


Sul cammino verso il Sinodo


Interrogato su uno dei temi più scottanti della vita della Chiesa -le vocazioni- P. Miguel Ángel ci ha detto che in quest'ultimo corso vescovile organizzato dalla Santa Sede si sono visti i tentativi "di attuare un nuovo dialogo, cercando modi per collaborare", di fronte al "calo" del numero di coloro che dicono sì al Signore. "Negli ultimi dieci anni, in America Latina, esso è calato improvvisamente. Credo che una questione fondamentale che dobbiamo porci non è solo quante vocazioni abbiamo, ma per quale tipo di Chiesa. Non si tratta semplicemente di "avere sacerdoti", ma che abbiamo bisogno di sacerdoti per una Chiesa sinodale".


Proprio a proposito del Sinodo dei vescovi che prenderà il via tra pochi giorni, il vicario apostolico di Iquitos ricorda le parole di San Giovanni Crisostomo quando diceva che "Chiesa e Sinodo sono praticamente sinonimi". "Credo che dobbiamo continuare a progredire lungo questa linea tracciata da Papa Francesco", assicura padre Miguel Ángel. Tuttavia, l'agostiniano sottolinea che "ha la sensazione che gran parte del popolo di Dio non si senta rappresentato in questo tema della sinodalità, che è una grande questione". "Da questo Sinodo quello che spero è che possiamo parlare tutti nella Chiesa, che si possano raggiungere alcuni accordi minimi ma, soprattutto, spero che ci sia la possibilità di continuare ad approfondire, perché un Sinodo non è semplicemente un evento che c'è, ma è un processo. Spero che aiuti la Chiesa a entrare in questo spazio sinodale (e questo significa mettere in pratica la partecipazione nella Chiesa), nella sussidiarietà e in tutti gli altri principi che sono fondamentali nella vita della Chiesa".


Il lavoro dell'Ordine a Iquitos

Parlando del nuovo incarico affidatogli dal Santo Padre per l'Amazzonia peruviana e la sua evangelizzazione, P. Miguel Angel racconta come l'Ordine di Sant'Agostino abbia "da 120 anni reso possibile la nascita di una chiesa locale". In questo senso, racconta il vicario apostolico, "l'Ordine è stato molto generoso con la Chiesa diocesana, poiché tutte le parrocchie e tutte le infrastrutture esistenti, come le scuole parrocchiali costruite dagli agostiniani, sono passate nelle mani del Vicariato, anche se gli agostiniani continuano a gestire alcune chiese". Secondo P. Miguel Angel, questo fatto cambierà poco a poco a favore della gestione e dell'amministrazione dei sacerdoti diocesani. "Quello che dobbiamo fare è far progredire quella Chiesa locale, e per questo è molto importante non concentrarsi esclusivamente sui religiosi e sui sacerdoti ma preparare laici che possano portare avanti l'evangelizzazione, cosa che noi agostiniani abbiamo sempre fatto almeno dal Concilio Vaticano II. Dobbiamo continuare a scommettere su laici ben form ati che possano portare avanti le comunità cristiane".


Missione, trattamento e comprensione della realtà delle popolazioni indigene e le difficoltà che devono affrontare -come l'estrattivismo-, visitare le parrocchie e i fedeli, sradicare e curare i casi di abuso, prendersi cura dei più vulnerabili,... Tutti questi compiti occupano il lavoro quotidiano di monsignor Cárdenas nel suo lavoro di vescovo agostiniano in un luogo "altamente conflittuale". "Non possiamo perdere di vista il fatto che sappiamo di essere in un territorio di missione dove dobbiamo proclamare la Buona Novella. Il conflitto fa parte della vita quotidiana, quindi non ci è estraneo. Il nostro compito è quindi quello di annunciare Gesù Cristo in mezzo a questi conflitti. È difficile, delicato e speriamo di riuscire a farlo bene".



0 commenti

Commentaires


bottom of page