top of page

I presidi dei collegi agostiniani d'Europa si incontrano per la prima volta

L'obiettivo principale è quello di lavorare insieme per affrontare le sfide di un mondo sempre più secolarizzato e per salvaguardare l'identità cattolica e l'impronta agostiniana nelle scuole

Il 10 e 11 marzo, i presidi dei collegi agostiniani d'Europa si sono incontrati per la prima volta a Madrid per rafforzare i legami e lavorare attivamente in una rete di collaborazione tra i centri educativi dell'Ordine.


Presieduto dall'Assistente Generale, P. Javier Pérez Barba, l'incontro, a cui hanno partecipato più di 23 persone provenienti da Irlanda, Malta, Belgio, Repubblica Ceca e Spagna, si è svolto nell'aula del Colegio San Agustín della capitale spagnola. L'Inghilterra, che aveva confermato la propria presenza, non ha potuto partecipare all'incontro all'ultimo momento.


Durante il suo intervento, il Consigliere generale, coordinatore della Commissione per l'Apostolato e l'Evangelizzazione dell'Ordine e promotore dell'incontro, ha fatto riferimento all'importanza di rafforzare l'identità cattolica e agostiniana nelle scuole dell'Ordine, "soprattutto quando vediamo che qui, in Europa, sta aumentando l'età dei frati che hanno dedicato la loro vita all'educazione e si accelera a un ritmo vertiginoso la secolarizzazione della società in cui vivono e da cui escono i nostri educatori e insegnanti". È in questo contesto, come ha commentato p. Javier - che è stato per diversi anni direttore del Colegio Los Olivos di Malaga - che devono essere considerate con coraggio sfide importanti come l'evangelizzazione e l'azione pastorale all'interno di una scuola in situazione missionaria.



"Ogni alunno è un tesoro per noi"


Dopo le parole di benvenuto del Provinciale di San Juan de Sahagún, l'agostiniano P. Domingo Amigo, è stato il momento della presentazione della vita quotidiana dei vari centri europei.


Il primo a parlare è stato p. David Cortis, direttore del collegio Sant'Agostino di Malta. Durante la presentazione di questo centro educativo, che ha 175 anni di storia e 793 studenti tra i suoi allievi, P. Cortis ha voluto sottolineare la necessità di occuparsi della realtà di ciascuno degli studenti: famiglie disfunzionali, problemi di vario tipo, difficoltà di apprendimento... Tutte queste questioni hanno portato ad ampliare l'attenzione alla diversità dei centri per accompagnare ogni studente nel miglior modo possibile.


"Nei nostri due campus a Malta, vogliamo adottare un approccio multidisciplinare agli studenti, in modo che ognuno di loro possa sviluppare le proprie attitudini e i propri talenti in modo pieno", ha dichiarato P. David all'Ufficio comunicazioni della Curia Generale. "È in questo modo che avranno gli strumenti per avere successo, per avere le risorse per affrontare la vita. Ogni studente è un tesoro per noi. Indipendentemente dai limiti delle nostre risorse, continueremo a lavorare per far emergere il meglio di loro da una prospettiva olistica, umanistica e agostiniana".



Da parte sua, P. Mark O'Brien, giunto dall'Irlanda, ci ha raccontato cosa significa per lui questo primo incontro dei dirigenti scolastici agostiniani.


"Essere qui, a Madrid, e uscire dall'ambiente scolastico per qualche giorno per poter vedere con gli altri direttori i punti in comune e le sfide che ci attendono è, senza dubbio, una grande opportunità per tutti noi", ha assicurato p. Mark. “Sono d'accordo con padre Javier", ha proseguito O'Brien, "in termini di secolarizzazione. È un fenomeno che ci sta colpendo in Irlanda. È per questo che dobbiamo tornare a ciò che è la scuola senza abbandonare il contesto in cui ci troviamo e che la nostra offerta educativa deve essere eccellente".


"Dobbiamo formare i nostri team di gestione e gli insegnanti nello spirito di Sant'Agostino"


P. Valeriano Aldonza, Consigliere per l'Educazione della Provincia di San Juan de Sahagún e membro della Commissione Organizzativa, ha fatto una panoramica sullo stato delle 17 scuole di questa circoscrizione e sul lavoro che si può intraprendere con altri centri europei. "L'ideario agostiniano, i nostri valori (interiorità, solidarietà, verità, amicizia), non hanno frontiere. Ed è per questo che lavoreremo a un progetto comune. Abbiamo molto da condividere e molta strada da percorrere. Ora dobbiamo vedere quali azioni possiamo intraprendere", ha riconosciuto p. Aldonza.


"Ora la domanda che ci si pone", continua p. Valeriano, "è come possiamo continuare a trasmettere la nostra identità agostiniana anche senza la presenza di religiosi. Purtroppo siamo sempre meno e per questo dobbiamo formare i nostri dirigenti e insegnanti dal punto di vista spirituale e religioso, nello spirito e nei valori di Sant'Agostino. Per noi è molto importante mantenere l'identità. Il giorno in cui non potremo trasmetterla alle prossime generazioni, sinceramente, non saremo più interessati ad avere scuole".


0 commenti

Comments


bottom of page