top of page

I frati agostiniani di Utrecht: secoli e secoli di una storia ricca di sfide


I nostri frati in Olanda ci raccontano parte della loro storia e del loro cammino in un paese dove la persecuzione dei cattolici ha segnato l'inizio delle nostre missioni.


Dal 21 al 23 aprile, il Priore Generale, padre Alejandro Moral, insieme all'Economo Generale, padre Franz Klein, ha visitato i frati della Provincia dei Paesi Bassi.


"È stato un incontro molto bello", ha detto padre Moral all'Ufficio comunicazioni della Curia Generale. Oltre ai dialoghi personali che io e padre Franz abbiamo avuto con il Provinciale, padre Pierre, e con padre Paul, il 22 aprile abbiamo incontrato tutti i membri della Provincia nella residenza della comunità di Eindhoven, che sono 11. In realtà sono 12, ma il P. Hans risiede a La Paz, nel Vicariato di Bolivia” ha raccontato il Priore Generale a proposito dei frutti di questa breve visita. "La verità è che siamo stati molto bene a La Paz, nel Vicariato della Bolivia", ha detto il Priore Generale a proposito dei frutti di questa breve visita.


"La verità è che abbiamo vissuto alcuni momenti molto speciali in un'atmosfera meravigliosa: vera fraternità e comunione. L'intera mattinata, dalle 10.30 in poi, è stata dedicata al dialogo tra tutti i fratelli. Sono venuti religiosi da Utrecht e Nimega", un fatto che il Priore Generale ha voluto sottolineare, tenendo conto che la maggior parte dei fratelli è in età avanzata, ad eccezione di Fr. Gerben, della Provincia del Belgio, che sta concludendo lì la sua formazione.


Il Priore Generale e P. Franz hanno avuto l'opportunità di incontrare il 23 aprile i fratelli impegnati nell'area economica della Provincia prima di recarsi all'aeroporto di Amsterdam per il volo di ritorno a Roma.


Gli agostiniani Martijn Schrama, Gerben Zweers e Jan van Dril davanti all'altare maggiore di Sant'Agostino.


Breve storia degli Agostiniani nei Paesi Bassi


Il primo insediamento di agostiniani nel sud dei Paesi Bassi risale al 1237, in un eremo di Hasselt, in Belgio, prima della Grande Unione. Si tratta di una fondazione dei nostri frati nei primi tempi della fondazione dell'Ordine, dove a quel tempo, in tutta la regione, svolgevamo un ruolo molto importante. 


Il convento di Lovanio nel 1237, quello di Mechelen nel 1242, quello di Bruges nel 1250, quello di Dordrecht nel 1275 o quello di Middelburg nel 1292, testimoniano la forte presenza dell'Ordine di Sant'Agostino in quelle terre.


L'attuale comunità di Utrecht mantiene l'eredità di quelle prime fondazioni. 


La sua prima comunità si formò nel 1636 in quello che oggi conosciamo come il centro storico di Utrecht. Città universitaria, con diverse facoltà di teologia, i nostri missionari agostiniani ebbero fin dall'inizio notevoli difficoltà nello sviluppo del loro lavoro pastorale, a causa delle leggi anticattoliche che all'epoca proibivano la Messa pubblica e che li obbligavano a celebrare il sacramento in segreto nelle case dei fedeli. 


Dopo l'invasione francese dei Paesi Bassi nel 1795, ai cattolici fu finalmente permesso di costruire le proprie chiese. Gli Agostiniani fecero costruire una nuova chiesa nel 1840 sul canale centrale della città, l'Oude Gracht. La chiesa di Sint Augustinuskerk, stretta tra le case e gli interni, conserva ancora la bellezza del suo stile neobarocco, piuttosto raro nei Paesi Bassi. Solo alla fine del XIX secolo la casa parrocchiale di Sant'Agostino poté essere trasformata in un vero e proprio convento, contribuendo così alla grande crescita della provincia olandese degli Agostiniani.


Nel periodo tra il 2016 e il 2023 la chiesa è stata chiusa a causa del deterioramento della struttura e dell'insieme artistico. Dopo sette anni di restauro, nel dicembre dello scorso anno ha riaperto le porte ai fedeli, delegando la gestione a un sacerdote diocesano. 


Nello stesso anno, la morte di uno dei nostri frati ha minacciato di porre fine alla presenza agostiniana nel convento adiacente alla chiesa. Tuttavia, come ci dicono dai Paesi Bassi, sono stati trovati nuovi residenti per il convento. Vi abitano ora tre agostiniani che, con la loro presenza e l'aiuto di tre suore agostiniane di Santa Monica, stanno cercando di riportare la spiritualità di Agostino ai parrocchiani, agli studenti e ai gruppi laici. La loro presenza rende la restaurata chiesa di Sant'Agostino un luogo di incontro con Cristo e con un Agostino rinnovato e rinvigorito.



0 commenti

Hozzászólások


bottom of page