top of page

A.Schubert: l'agostiniano ucciso a Dachau che ha combattuto il nazismo "con coraggio"

Nella bella chiesa agostiniana di San Tommaso Apostolo, nel centro storico di Praga, si è svolta la sessione di apertura del processo di beatificazione o dichiarazione di martirio del Servo di Dio Agostino Schubert, sacerdote professo dell'Ordine di Sant'Agostino, ucciso in odium fidei nel campo di concentramento di Dachau nel 1942


Con la celebrazione dei Vespri, presieduta da S.E. Jan Grauber, arcivescovo metropolita di Praga e primate della Chiesa nella Repubblica Ceca, si è lodato Dio per il dono della vita e della testimonianza di Schubert, pregando insieme ai parrocchiani e ai devoti della sua figura per il buon andamento della causa di questa prima parte del processo.


Dopo la liturgia, la prima sessione dell'inchiesta diocesana si è svolta nel convento di San Tommaso. L'arcivescovo Graubner è stato incaricato di presiedere la sessione in cui sia i membri del tribunale che il postulatore generale dell'Ordine di Sant'Agostino hanno giurato di dire tutta la verità sulla persona indagata. A questo stesso giuramento si sono aggiunti anche i membri della commissione storica, guidata nel suo buon lavoro da P. William S. Faix, OSA.


Alla cerimonia era presente anche il vescovo ausiliare di Praga, mons. Zdeněk Wasserbauer, che è il delegato speciale dell'arcivescovo per il corretto svolgimento della causa. Insieme a loro, i frati agostiniani della comunità di Praga con a capo il superiore provinciale di Boemia, il collaboratore della postulazione, P. Juan Provecho, e P. Josef Sciberras OSA, Postulatore Generale dell'Ordine, che ha raccontato via Facebook "l'alta presenza di parrocchiani e devoti di Schubert, la cui testimonianza e fama duratura di martire, il cui coraggio nel denunciare il male del suo tempo", sono, nelle parole di p. Sciberras, "un costante invito alla fedeltà evangelica".


Un ritratto di P. Schubert, opera del nostro caro e mancato fratello Paul Graham OSA


A. Schubert nacque a Praga nel 1902, di etnia mista, il padre era di origine tedesca e la madre ceca. Su richiesta del padre, studiò all'Università tedesca di Praga, dove conseguì un dottorato in filosofia. Il suo professore voleva che entrasse in facoltà, ma Schubert aveva altri progetti.


Come membro di un movimento studentesco cattolico, lui e i suoi amici incontrarono gli agostiniani nella chiesa barocca di San Tommaso a Praga, dove si svolsero alcuni dei loro incontri. Durante una gita in campeggio, un gruppo di loro decise di unirsi agli agostiniani, compreso Schubert, un chitarrista amante del divertimento. Il suo sogno era quello di partecipare al rinnovamento della Chiesa in Boemia e dell'Ordine agostiniano. Dopo aver studiato in Germania, Schubert fu ordinato sacerdote a Praga il 20 gennaio 1929.


Si fece rapidamente una reputazione di predicatore convincente e divenne il direttore spirituale di un movimento atletico chiamato Orel, "aquila" in inglese. La Cecoslovacchia era allora una democrazia nascente e le organizzazioni giovanili come Orel erano un veicolo di identità nazionale e di evangelizzazione giovanile. Nel suo diario del 1938, di fronte all'aggressione nazista, Schubert scrisse: "Dobbiamo ricordare alla nazione i diritti inalienabili che Dio ha per noi, diritti negati ma non sradicati: lo stato di diritto, la dignità della famiglia, l'istruzione e l'integrità della nazione".


Nell'ottobre del 1938, l'esercito nazionalsocialista invase i Sudeti, nel nord della Cecoslovacchia, e li annesse alla Germania. Nel frattempo, Schubert iniziò a usare il suo pulpito sia per richiamare la gente a Dio sia per parlare dell'ingiustizia dell'invasione tedesca. Poco prima che i nazisti colpissero i marciapiedi di Praga, Schubert tenne un emozionante sermone nella Cattedrale di San Vito con un appello alla preghiera: "Pregando non indeboliamo la nazione. Una parte di essa deve avere i pugni stretti, un'altra parte le mani giunte in preghiera...".


Dopo l'invasione del resto della Cecoslovacchia nel marzo 1939, Schubert divenne rapidamente una spina nel fianco delle autorità tedesche. Fu arrestato il 30 agosto 1940, quando la Gestapo fece irruzione nel monastero accanto alla chiesa.


Il Provinciale e amico intimo di Schubert, Bonaventura Czerny, chiese all'ufficiale che lo aveva arrestato il motivo del suo arresto. "Stia tranquillo", disse l'ufficiale, "abbiamo così tanto materiale contro di lui che non deve contare sul suo ritorno. Agita il pulpito, corrompe i giovani e sovverte l'idea del Reich".



0 commenti

Comments


bottom of page