top of page

P. Anthony Kanu, Provinciale della Nigeria: "L'Africa sta dando un buon numero di buone vocazioni"


La Provincia di Nigeria dell'Ordine di Sant'Agostino ha acquisito negli anni un ruolo di primo piano nel lavoro della Chiesa cattolica in Africa.


Le sue 20 scuole sparse in tutto il Paese, il suo ruolo di mediatore per la giustizia e la pace in una regione devastata dal terrore jihadista, i suoi seminari pieni e i suoi frati che si spingono in tutto il territorio, fanno ben sperare per il lavoro che gli eredi di Sant'Agostino stanno portando avanti in Nigeria.


In occasione della professione dei voti solenni di due dei loro frati a Valladolid, p. Anthony Kanu si presenta all'ufficio della Curia Generale da Madrid.


Padre, grazie per essere qui con noi nel bel mezzo dei suoi impegni. Qual è la situazione attuale della Provincia? Quanti frati abbiamo? Quali sono le diverse realtà a cui noi, come Ordine, stiamo rispondendo in Nigeria?


La Provincia di Nigeria è l'unica Provincia che l'Ordine ha in Africa, dove ci sono anche altre circoscrizioni, ma non ancora con lo status di Provincia. Abbiamo 126 frati professi, di cui 124 sono sacerdoti. Come Ordine, oggi ci confrontiamo con realtà molto diverse. In primo luogo, l'apostolato parrocchiale, dove lavora la maggior parte dei nostri frati, cercando di condividere la spiritualità agostiniana con i laici. Questa spiritualità che condividiamo con loro deriva dal nostro carisma, che è una vita comunitaria, condividendo la nostra vita gli uni con gli altri e sostenendoci a vicenda. Oltre alle parrocchie, abbiamo più di 20 scuole di diverso livello, elementari, medie e superiori, dove collaboriamo con un buon numero di genitori e cerchiamo di istruire gli studenti attraverso la pedagogia agostiniana. Data la situazione attuale del nostro Paese, soprattutto in termini di sicurezza, stiamo introducendo i nostri studenti al modello di pace propostoci dal nostro padre Sant'Agostino, cercando di scoprire Dio nei loro cuori per poterlo condividere. Cerchiamo di scoprire Dio, che è il Principe della Pace, e poi cerchiamo di condividere questa pace con gli altri. E questo inizia necessariamente con se stessi. Quando scopriamo la pace dentro di noi, allora possiamo condividerla con gli altri.


Come ci si sente a lavorare in un ambiente così ostile, assediato dal terrore di Boko Haram e con tanta instabilità sociale?


In questo senso, la nostra Provincia si impegna per la giustizia e la pace, prendendo molto sul serio la Laudato Si', nel senso che Papa Francesco ci indica il miglioramento integrale dell'ambiente. Questo è un approccio molto agostiniano e, attraverso padre Emeka, abbiamo strutturato gran parte di questo lavoro sotto forma di ONG. Come lei ha detto, lavoriamo anche con le persone colpite dal terrorismo e le sosteniamo. Al momento, ad esempio, abbiamo una ragazza che è stata detenuta da Boko Haram e che è stata rilasciata, quindi la stiamo aiutando a tornare a scuola, perché stava studiando per diventare infermiera, e a finire la sua formazione. Siamo impegnati a diversi livelli per vedere come migliorare la società nigeriana. Soprattutto in questo periodo in cui c'è tanta enfasi sulle divisioni etniche, la famiglia agostiniana sta portando l'idea di "un cuore solo e un'anima sola centrata su Dio" nonostante le difficoltà e le sfide, quindi stiamo andando avanti come Paese e come Provincia.

Padre, qual è secondo lei il ruolo della Chiesa cattolica in Africa e nel mondo intero?


In questo momento, certamente, l'Africa è benedetta da molte vocazioni e, soprattutto, da un buon numero di buone vocazioni, perché molti dei nostri fratelli stanno portando il messaggio del Vangelo alla gente in modo africano, in modo vivo. Per noi il Vangelo non è solo un messaggio, ma uno stile di vita che cerchiamo di vivere e trasmettere e questo attira molte persone. Quindi, in questo momento in cui l'Africa è benedetta da così tante vocazioni, quello che cerchiamo di fare, soprattutto nell'Ordine, è vedere come rispondere alle esigenze di altre Province del mondo che hanno bisogno di frati che lavorino e vivano nelle loro comunità. E la Provincia della Nigeria, così come i vicariati del Congo, della Tanzania e del Kenya sono stati in grado di farlo. Qui in Spagna, per esempio, abbiamo sette frati che lavorano; anche a Roma ci sono sette frati, nel Regno Unito sei e forse un altro in arrivo, uno in Irlanda, uno in Polonia, altri negli Stati Uniti. Come potete vedere, abbiamo molti frati in diversi luoghi, e anche in Africa, in Paesi come il Sudafrica, la Repubblica del Benin o il Kenya, nella casa internazionale. Stiamo quindi cercando di capire come fornire aiuto a quelle circoscrizioni che stanno lottando con i numeri. Il futuro appartiene a Dio e questa è la via africana. E siamo molto fiduciosi che, se sceglieremo il meglio, le cose cambieranno. Perciò in Africa non ci scoraggiamo. Ci aggrappiamo alla fede che il futuro dell'Ordine e il futuro della Chiesa, anche in Europa, sarà migliore, perché la Chiesa non appartiene a noi, ma anche a Dio. Ed è Lui che in ultima analisi ci sostiene".


Ha parlato con forza, durante la colazione informale con il personale della Provincia di San Juan de Sahagún, come ci sottolinea P. Alejandro, dell'importanza dell'unità in questo momento. Come cattolici, come possiamo lavorare su questa unità, sapendo che l'unicità dell'Ordine risiede anche nell'autonomia di ogni circoscrizione di decidere ciò di cui ha bisogno per il suo compito apostolico? Come possiamo lavorare in queste due direzioni di comprensione dell'unità all'interno dell'Ordine?


Esistono forme diverse all'interno della stessa realtà. Ogni circoscrizione ha bisogno di un certo grado di autonomia per funzionare. Ma anche, come Ordine, apparteniamo a un'unica famiglia e questo è molto facile da capire quando si cammina con la mente di Cristo e ci si concentra su ciò che Cristo vuole per la sua Chiesa. Questo aiuta certamente a stabilire un equilibrio tra indipendenza e dipendenza; una sana autonomia. Se permettiamo a Cristo di parlare al nostro cuore in questi momenti, diventa molto facile capire davvero dove dobbiamo essere. In Africa, per esempio, in questo momento stiamo prendendo più seriamente la nostra Unione dei Frati Agostiniani. E per questo abbiamo molti frati che lavorano e si muovono in diverse circoscrizioni, aiutandole a non diventare circoscrizioni chiuse che camminano da sole.


Abbiamo iniziato con questo in Africa, ma abbiamo tanti altri frati in luoghi diversi, in altri continenti, che lavorano in circoscrizioni diverse, quindi speriamo che durante il nostro incontro del prossimo anno potremo esplorare altri punti di collaborazione. E nonostante la nostra indipendenza come circoscrizioni, potete anche vedere che in alcune circoscrizioni stanno iniziando ad aprirsi ad altre possibilità di collaborazione. Se solo questo potesse avvenire in modo rapido e automatico. In questo senso, la storia ci ha insegnato che tutti prima o poi si adattano alla realtà. Può essere difficile, ma oggi vediamo che stiamo davvero facendo progressi. Molte circoscrizioni cominciano ad aprirsi, soprattutto agli africani, per lavorare con loro nelle proprie circoscrizioni, quindi credo che ci siano dei progressi.


Tornando alla Provincia nigeriana, da quanto tempo è presente l'Ordine?


La fondazione risale al 2001. Ma prima di allora, dal 1938, gli agostiniani irlandesi sono stati in Africa. Sono stati in Nigeria a lavorare, e un buon numero di diocesi in Nigeria sono nate come risultato del lavoro di questi frati. La diocesi di Yola, ad esempio, è nata grazie al lavoro degli agostiniani irlandesi, così come la diocesi di Jalingo o quella di McDougall. E ora abbiamo una nuova diocesi, Wukari, anch'essa frutto del lavoro degli agostiniani irlandesi, che hanno iniziato la loro opera già nel 1938.



E l'ultima domanda. Per lei, qual è la cosa più importante, come sacerdote agostiniano, in questo momento storico? Quale pensa che debba essere il nostro ruolo in questo contesto, come cattolici e in relazione alla Chiesa, e allo stesso tempo con i laici e con tutti coloro che non vogliono sapere nulla della Chiesa? Come possiamo diffondere il Vangelo in questo momento storico e cosa possiamo fare per aiutare le persone ad avvicinarsi a Dio?


L'Ordine agostiniano ha un enorme patrimonio in termini di spiritualità, ma c'è bisogno di una maggiore comunicazione di questa spiritualità al mondo. In questo senso, penso che il più grande patrimonio che abbiamo come agostiniani sia quello della comunità, indipendentemente da chi sei o da dove vieni. È molto importante e non c'è bisogno di predicare perché la gente lo veda. È qualcosa che si vive e si adatta bene alla realtà storica di oggi, dove i giovani non sono interessati a ciò che vedi, a ciò che dici, ma a ciò che vedono in te. Ciò che li attrae di più, in questo senso, è ciò che vedono e non ciò che sentono. Quando il messaggio non corrisponde a ciò che vedono, allora questo porta a una crisi di fede. Quindi il dono più grande che gli agostiniani possono offrire al mondo in questo momento è l'idea di comunità, la creazione di una vera comunità. Così le persone arriveranno a un punto in cui saranno in grado di vedere qualcosa di diverso in voi, anche se non sono cristiani o cattolici; inizieranno a interessarsi, perché tutti vogliono una comunità in cui sentirsi sicuri e felici. Se il mondo, i giovani, scoprono la sicurezza e la gioia di Dio nella comunità, o comunque la si voglia chiamare, saranno felici anche di condividere la Buona Novella. Dobbiamo raggiungere quel punto in cui comprendiamo l'eredità che abbiamo come agostiniani e siamo pronti, desiderosi e zelanti di condividere questo messaggio con il mondo intero. Qui in Europa, ad esempio, stiamo raggiungendo un punto in cui dobbiamo iniziare a impegnarci.


Abbiamo bisogno di persone che facciano parte di questa comunità e che siano anche in grado di contribuire a condividere questo messaggio nel contesto della famiglia, nel contesto del loro posto di lavoro. E che dire degli impegni che hanno? Perché i laici hanno più impegni di noi sacerdoti, perché sono pienamente nel mondo e ne comprendono le dinamiche. Dobbiamo incorporarli in questo stile di vita, in una comunità, in modo che siano in grado di uscire e raggiungere gli altri. Ma noi stessi abbiamo la responsabilità di apprezzare l'eredità che abbiamo come agostiniani e dobbiamo anche essere disposti a condividerlo. Infine, abbiamo bisogno di speranza: non siamo pessimisti sul futuro per il semplice motivo che siamo diventati così scientifici da pensare di poterlo prevedere. La nostra fede ci dice che il futuro appartiene a Dio ed è nelle sue mani, e se abbiamo speranza, Dio può trasformare la peggiore situazione immaginabile nella migliore possibile.


0 commenti

Kommentare


bottom of page