top of page

La parrocchia agostiniana greco-cattolica in Polonia celebra il suo 65° anniversario

La parrocchia della Dormizione della Beata Vergine Maria a Katowice, in Polonia, dove P. Szymon Jankowski OSA lavora da 20 anni come parroco e decano, servendo principalmente ucraini di rito orientale, ha celebrato il suo anniversario il 2 settembre. La messa è stata presieduta da Mons. Włodzimierz Juszczak, vescovo di Wrocław-Koszalin

La storia moderna dei greco-cattolici dell'Alta Slesia (Polonia) inizia negli anni Venti e Trenta del Novecento, quando, dopo alcuni anni di drammatici scontri al confine tra Polonia e Germania, una parte di questo distretto fu concessa alla Polonia. È difficile stabilire con esattezza quando i primi greco-cattolici siano comparsi nell'Alta Slesia, ma è molto probabile che lo sviluppo intensivo dell'odierna Katowice e delle città adiacenti, facilitato da una rete ferroviaria ben sviluppata all'inizio del XX secolo e dalla scoperta di nuove risorse fossili, soprattutto carbone fossile e altri minerali, incoraggiò i giovani provenienti dalle zone più povere della Polonia orientale (dove c'era un maggior numero di greco-cattolici) ad affluire in questo luogo prospero e pieno di potenzialità, formando una grande comunità, che alla fine si sarebbe stabilita nella regione.


Inoltre, durante la Seconda guerra mondiale e la successiva occupazione sovietica, molti ucraini furono reinsediati nella zona, molti come lavoratori, molti come parte del processo di reinsediamento sovietico nel territorio unificato. Così, con l'Operazione Vistola nel 1947, ci fu un afflusso di greco-cattolici reinsediati forzatamente in Slesia, e il Vescovo di Cracovia vide la necessità di creare una parrocchia per questa comunità a Katowice. Così, nel Natale del 1958, fu aperta la prima parrocchia greco-cattolica della città; sebbene non avesse una sede fissa, molti parroci misero a disposizione spazi nelle loro parrocchie che utilizzarono per le loro liturgie e riunioni.


L'inizio del secolo portò con sé l'arrivo di molti lavoratori stagionali che divennero residenti permanenti nell'Alta Slesia e parteciparono sempre più numerosi alle funzioni domenicali della liturgia greco-cattolica. Poco prima dello scoppio della guerra russo-ucraina, il numero di parrocchiani salì a più di 80 persone alla liturgia domenicale, mentre dopo lo scoppio della guerra, da 130 a 180 fedeli partecipavano regolarmente.


I numeri più alti si registrano durante le feste principali: circa 500 persone partecipano a Natale e più di 800 a Pasqua. Molti dei fedeli che frequentano la chiesa sono ortodossi, ma a causa della loro lingua e del loro luogo di origine, si sentono più sicuri nella nostra comunità che nella chiesa ortodossa di Sosnowiec, vicino a Katowice.


La guerra e lo stato attuale della comunità


Un momento di vitale importanza per la comunità è stato, infatti, lo scoppio della guerra. P. Szymon Piotr Jankowski OSA, che è stato sul posto per due decenni, racconta la situazione all'Ufficio comunicazioni della Curia generale. "Ci siamo trovati subito in prima linea. Ancora oggi, i parrocchiani raccolgono mensilmente fondi per aiutare nel conflitto, soprattutto per finanziare l'assistenza medica (ad esempio, diverse auto per trasportare i soldati feriti, bende, sacchi a pelo, prodotti per la pulizia, tutte le protezioni necessarie, ecc. Inoltre, i parrocchiani pregano ogni domenica eucaristica per le anime e le famiglie dei defunti e per la pace nel Paese.


Va infine segnalato che, dal 2017, la parrocchia greco-cattolica di Katowice è anche la sede del nuovo decanato dell’Eparchia di Wrocław-Koszalin della Chiesa greco-cattolica in Polonia, con decano l’attuale parroco, P. Szymon. “Certamente, la creazione di detto decanato è anche una forma di riconoscimento nei confronti dei fedeli di questa parrocchia che, da quasi cento anni, hanno saputo mantenere e coltivare efficacemente la loro fede, le loro tradizioni nazionali, la loro lingua e la loro liturgia, creando un gruppo molto ben coordinato nonostante i cambiamenti dei tempi, delle persone e delle condizioni esterne”, dice P. Szymon.




0 commenti

Kommentare


bottom of page