top of page

70 anni da quando l'Ordine è entrato nella Papua Occidentale per portare il Vangelo alla popolazione

Il legame tra la Papua Occidentale e l'Ordine di Sant'Agostino ha celebrato quest'anno il suo 70° anniversario. P. Tony Banks, Assistente generale per la regione dell'Australasia, e Maurizio Misitano, direttore della Fondazione Agostiniani per il Mondo, ci raccontano la storia della Papua Occidentale e la loro recente visita per vedere da vicino il lavoro dell'Ordine in quella regione.


Nel 1953, il frate agostiniano Pieter van Diepen, della Provincia d'Olanda, viaggiò attraverso le scorciatoie, i sentieri e le piste della seconda più grande distesa di foresta tropicale del pianeta. Mosso dall'impulso di portare il Vangelo alle piccole comunità del territorio, soprattutto negli altopiani, l'ex vescovo della diocesi di Jayapura poté vedere in vita come l'eredità e l'opera di Sant'Agostino avrebbero finito per insediarsi in questa remota regione con nuove vocazioni per l'Ordine.


Per comprendere la storia degli agostiniani nel Paese, bisogna sottolineare due momenti fondamentali. In primo luogo, la fine della presenza olandese in Papua Occidentale. Anthony Banks, Assistente generale per l'Australia e l'Oceania, ci dice: "Ci sono opinioni diverse su quello che è successo, ma gli olandesi e gli indonesiani si sono rivolti alle Nazioni Unite e hanno trasferito il controllo del territorio alle Nazioni Unite per un anno e poi all'Indonesia".


Sette anni dopo, nel 1969, si sarebbe dovuto tenere un plebiscito per decidere se la Papua occidentale dovesse rimanere parte dell'Indonesia o diventare una nazione indipendente. 1.026 rappresentanti furono portati a Giacarta per rappresentare il milione di melanesiani della Papua occidentale. Tutti hanno votato, "apparentemente obbligati", per rimanere in Indonesia. "Nel bel mezzo di questa situazione di incertezza e instabilità, gli agostiniani prestarono grande attenzione ai bisogni dei nativi di Papua", ricorda padre Banks.


A quel tempo, ai missionari agostiniani olandesi fu data la possibilità di tornare nei Paesi Bassi e mantenere la cittadinanza olandese o di acquisire la cittadinanza indonesiana, opzione per la quale molti frati optarono, poiché era chiaro per loro, come ricorda il Consigliere generale, che "le future vocazioni potevano venire solo da lì".


E così è stato.


Una ricca realtà ecclesiale


Da quando l'ultimo dei missionari olandesi è scomparso, lo scorso aprile, lasciando una "immensa eredità di ministero e di servizio" legata al suo nome e a quello dell'Ordine, il numero degli agostiniani continua a crescere. Attualmente il vicariato conta 55 membri di voti solenni, 31 di voti semplici, 8 novizi, 15 postulanti e 3 aspiranti.


Negli ultimi 12 anni, l'Ordine ha aperto una scuola secondaria superiore e una scuola materna per offrire opportunità educative ai bambini delle parrocchie dell'altopiano.


"Abbiamo bisogno di conoscere la realtà di ciò che sta accadendo lì, il lavoro che si sta facendo su questioni come la riforma agraria, le tensioni con l'esercito indonesiano e la realtà delle violazioni dei diritti umani che vengono perpetrate. Sono compiti che devono essere affrontati prima e durante l'evangelizzazione", dice padre Banks.


C'è una realtà molto varia, sia linguistica che culturale", dice il direttore della Fondazione Agostiniani per il Mondo. Formazione e lavoro sociale, programmi di sostegno all'istruzione, diritti umani e agricoltura sono le nostre principali priorità".

Due nuove chiese per la Papua occidentale


In una recente visita nella regione, sia il Consigliere Generale dell'Ordine che il direttore della Fondazione Agostiniani nel Mondo hanno potuto constatare "il grande lavoro svolto dai nostri fratelli". Recentemente sono state costruite due nuove chiese, una ad Ayawasi con una capacità di 2.000 persone e l'altra a Senopi, entrambe con l'aiuto del governo indonesiano. La visita a Yuruf, al confine con la Papua Nuova Guinea, è stata la prima di un membro della Curia generale dell'Ordine. Le aree intorno ad Ayawasi, nell'ovest, e a Yuruf, nell'est della Papua Occidentale, sono state in costante conflitto, afflitte dalla violenza del movimento indipendentista papuano e dell'esercito indonesiano.


Lavorare per salvaguardare la dignità di tutti i papuani, offrire loro la luce del Vangelo e migliori condizioni di vita, sono state, sono e saranno le priorità dell'Ordine in questo luogo bellissimo e remoto.


0 commenti

Kommentare


bottom of page