top of page

Ricardo Morales, nuovo dircom degli Agostiniani: "La Chiesa non può rimanere indifferente"

Aggiornamento: 16 gen 2023

Il 3 ottobre il giornalista spagnolo Ricardo Morales Jiménez ha iniziato il suo incarico come nuovo direttore della comunicazione nel nuovo ufficio della Curia a Roma

Con l’appoggio del Priore Generale, che si è rivolto ai Superiori e agli Uffici di comunicazione dell'Ordine di Sant'Agostino in merito alla costituzione e all'avvio dell'Ufficio di comunicazione internazionale, P. Alejandro ha voluto sottolineare l'importanza di questa nuova realtà nel contribuire all'unità e alla conoscenza dell'Ordine, sostenere le équipe di comunicazione che compongono le nostre circoscrizioni, diffondere la spiritualità agostiniana e sviluppare i rapporti con le diverse realtà ecclesiali.


"Vogliamo una struttura di comunicazione professionale, efficace e decisa", afferma P. Alejandro.

In un percorso straordinario nella vita della Chiesa, con la GMG di Lisbona e il Sinodo dei Vescovi alle porte, abbiamo dialogato con il nuovo dircom degli Agostiniani a Roma e gli obiettivi nel campo della comunicazione per l'Ordine.


Ricardo, qual’è la tua impressione di questo primo mese di incarico nell’ufficio della Curia Generalizia?


C’è molto lavoro da fare. Avviare un progetto di questa portata, con tante implicazioni, con tante singolarità che devono essere seguite e comprese, è un'avventura emozionante. E’ stata piacevole l'accoglienza e la fiducia che mi hanno trasmesso P. Javier Pérez Barba e il P. Generale a questo proposito. Voglio anche sottolineare il sostegno e l'informazione forniti dagli Assistenti Generali, nonché dal personale della Curia, per dare un primo sguardo alla ricchezza e alla densità delle azioni dell'Ordine nel mondo.



Perché è necessario un ufficio internazionale?


È qualcosa che si rileva da tempo, dal Capitolo Generale Ordinario del 2019 e che, nell'ultimo Capitolo Generale Intermedio di San Diego, si è finalmente definito. È essenziale, per una realtà ecclesiale così ricca come quella formata dagli agostiniani, avere un ufficio di comunicazione professionale a disposizione di tutto l'Ordine. Sarà un cammino lungo, non privo di complicazioni, ma sono convinto che porterà frutti -speriamo in abbondanza- se superiamo alcuni ostacoli interni ed esterni.


Questo modo di guardare la realtà trascende le mura della Chiesa stessa, fa appello a un'esigenza intrinseca della nostra condizione

Per esempio?


Mi riferisco alla cattiva interpretazione dell'autonomia con l'indipendenza, alla duplicità dei processi con un incompreso zelo apostolico. Là fuori, come ben sanno i frati, le monache, i missionari, i laici e gli altri membri che compongono la Famiglia Agostiniana, c'è una comunità sofferente che aspetta che le diamo l'unica risposta veramente fruttuosa: l'amore per l'altro. Questo modo di guardare la realtà trascende le mura della Chiesa stessa, fa appello a un'esigenza intrinseca della nostra condizione. È per vedere, in definitiva, quell'"Altro" nell'altro di cui parlava Kapuscinski.


Quali sono le prime misure da attuare?


Stiamo compiendo le tappe di un ampio e ricco piano di comunicazione, elaborato in quest'ultimo anno e che copre le principali urgenze che, sotto questo aspetto, ha l'Ordine oggi. Da un lato aumenteremo la frequenza dei bollettini informativi che escono dalla curia, evidenziando la voce e la figura del Generale in segno di unità. A nostra volta, rafforzeremo i social network, armonizzeremo i criteri estetici e di immagine aziendale in collaborazione con il resto degli uffici. Vogliamo invece proporre un rapporto fluido con tutti i responsabili della comunicazione nell'Ordine e rinnovare il sito web; aggiungendo una sezione di notizie di province, vicariati e circoscrizioni dove i nostri religiosi, religiose e laici svolgono un lavoro immenso ma che, purtroppo, non raggiunge i fedeli e gli interessati alla nostra missione quanto vorremmo. Questo è un punto fondamentale. Abbiamo un patrimonio spirituale di incalcolabile valore per la Chiesa e per l'uomo di oggi. Occorre raddoppiare gli sforzi per far sì che quello che è notevole della nostra vita comunitaria, ciò che è più luminoso, ciò che fa crescere le vocazioni nei luoghi più remoti del mondo quando in Europa sembra che la parola di Cristo langue, emerga per quello che è, senza decorazioni o fanfare, ma con la affermazione che questo è buono. Siamo esseri narrativi, costituiti dalla Parola. Questo deve essere notato.




Al di là del lavoro sulla comunicazione interna ed esterna della curia, c'è qualcosa di nuovo che intendete proporre ai diversi territori dell'Ordine?


Sì, naturalmente. Dal sostenere in tutto il necessario la creazione di laboratori digitali per formare le nostre comunità (che è già in corso a Sahagún, ad esempio), fino a mettere in luce tutto ciò che si genera all'interno dell'Ordine. Sottolineremo anche le attività dell'Istituto Patristico Augustinianum, dal nostro Archivio Generale -che ha documentazione dell'Ordine da quasi 8 secoli e che è un tesoro da condividere -, dal lavoro del postulatore dell'Ordine... Allo stesso tempo stiamo preparando la bozza di un protocollo d'azione generale per i casi di crisi, affiancandoci con altre realtà ecclesiali già più avanzate e che con il loro esempio dimostrano, giorno dopo giorno, che una comunicazione professionale, trasparente, efficace, affettiva e diligente - proprio come ha affermato il Priore generale nella sua ultima lettera - è la differenza sostanziale per fare le cose bene e non lasciarsi trascinare da storie che ci accusano e che tante volte sono vere, sì, e bisogna saper accogliere loro con umiltà e riconoscendo i nostri limiti e la nostra negligenza, ma che in altre occasioni danneggiano l'istituzione con storie frammentate, imprecise o addirittura apertamente fallaci. Quello che è successo con una dei nostri collegi maggiori a Madrid, con tutto il tumulto mediatico e politico che c'è stato, è un esempio di questi due aspetti. Questa situazione deve farci vedere che la Chiesa è nel mondo, permeata dalla sua bellezza e dalla sua miseria, e che qui non abbiamo altra scelta che remare tutti nella stessa direzione per rafforzare la promessa che ci è stata data e abbandonare posizioni insensate che seminano solo divisione e discordia.


Come verranno realizzati questi cambiamenti?


Ascoltando, pregando e facendo. Abbiamo visto che molte cose sono state fatte bene in tempi difficili per l'Ordine. E questo va riconosciuto perché ogni volta che facciamo bene, otteniamo credibilità. Alla fine, seguiamo gli insegnamenti e gli esempi di vita di nostro padre sant'Agostino, dei santi dell'Ordine, dei nostri superiori e, soprattutto, della verità che emana dal Vangelo.

Questo, di fronte a un contesto socio-culturale che, non neghiamolo, ha nel mirino la Chiesa fa o non fa, lungi dall'essere un handicap, noi lo vediamo come un'immensa opportunità per entrare in comunione con ciascuno altro, con i nostri fratelli nella fede e con la Chiesa; andando all’incontro dell’uomo di oggi. Abbiamo una magnifica occasione per realizzare quella "rivoluzione serena, calma, buon senso" proposta da Gregorio Luri.


La Chiesa ha bisogno di professionisti della comunicazione che dedichino molto tempo e molta fede a quello che fanno. È così che si cresce qualitativamente; così continuano ad arrivare le grazie del Signore oltre al nostro lavoro. Questo è ciò che conta davvero.




Riguardo a Ricardo Morales (Alicante, España. 1989). Licenziato in giornalismo con una laurea in Comunicazione Integrale presso l'Università Francisco de Vitoria; centro dove sta attualmente studiando l'ultimo anno della laurea magistrale in Lettere. Post-laurea in Business Administration e Management presso la EAE Business School, ha iniziato la sua carriera nei media poco dopo aver terminato la sua laurea con la rivista di attualità, cultura e pensiero cristiano Democresía; riconosciuto nel panorama spagnolo come il miglior spazio web per "Opinione" e "Attualità" dai premi Bitácoras e 20 Minutos nel 2015 e 2016.


Nel suo curriculum è stato responsabile della comunicazione della Fondazione V Centenario del Nacimiento de Santa Teresa de Jesús. Allo stesso modo, ha partecipato all'aggiornamento digitale e allo sviluppo dei contenuti sia per l'Agenzia SIC che per la Rivista ECCLESIA della Conferenza Episcopale Spagnola. Ha fatto parte del team di comunicazione internazionale all'interno della sezione audiovisiva durante il processo di rinnovamento del Regnum Christi sia nelle assemblee che nei convegni di Spagna e Roma. Ha seguito le ultime due Giornate Mondiali della Gioventù oltre ad aver realizzato diversi reportage giornalistici al confine con Bielorussia, Messico, Marocco e Cina.


Il suo ultimo incarico è stato quello di capo delle sezioni Famiglia e Religione durante la rifondazione del quotidiano El Debate.


0 commenti

Comments


bottom of page