top of page

Più di 300 giovani mossi da Sant'Agostino "si rialzano con Cristo" all'IGA

Quattro anni dopo l'ultimo Incontro di Panama, è iniziata l’IGA 2023. 374 partecipanti - religiosi e religiose, sacerdoti e giovani - provenienti da 20 circoscrizioni diverse si riuniscono in un'atmosfera di "profonda gioia spirituale" dal 25 al 30 luglio a Lisbona. Si tratta di una "nuova opportunità" per riflettere, come famiglia, sull'eredità che Sant'Agostino ha lasciato in eredità ai giovani cattolici del mondo di oggi


A una settimana dalla Giornata Mondiale della Gioventù,tra zaini, sacchi a pelo, stuoie e bandiere di quasi due dozzine di nazioni, l'IGA sta scrivendo un nuovo capitolo della propria storia. Siamo nella scuola di Santa Iria de Azóia, che ospita questo Incontro giovanile agostiniano. Il suono degli applausi riempie la stanza mentre ogni circoscrizione fa la sua presentazione in questa serata di apertura del 25 luglio. .


I volti dei giovani mostravano il jet lag, le lunghe ore di chiacchiere e il ritmo delle attività che hanno occupato il primo pomeriggio di questo IGA. Giochi di carte, tombola solidale, una partita di pallavolo o di calcio insieme a un curioso quiz sulla storia del Portogallo che, dopo cena, è stato rappresentato con grande ingegno dai volontari lusitani della Gioventù Agostiniana del Portogallo, che ospita e organizza questo IGA.


L'Ordine ha solo due parrocchie in tutto il Paese. Tuttavia, il loro slancio, la loro generosità e la loro passione, insieme all'entusiasmo dei cinque sacerdoti che lavorano giorno per giorno con i laici, hanno contagiato tutti i partecipanti fin dal primo momento.


"Vogliamo che l'Ordine sappia che può contare su di noi, che siamo qui, che ci sentiamo molto orgogliosi di far parte della famiglia agostiniana e di poter organizzare questo IGA così speciale", dice João Miguel Campos, responsabile del team di comunicazione dell'IGA e la cui squadra, composta interamente da volontari, racconta via Instagram il minuto per minuto di questo evento.


Andrea è responsabile degli oltre 100 volontari che sostengono, guidano e offrono la loro attenzione a ciascuno dei ragazzi e delle ragazze che hanno frequentato all'IGA. La maggior parte dei volontari ha chiesto ferie e giorni di riposo per "donarsi" agli altri, occupandosi di tutto ciò che possono richiedere le 12 aree di coordinamento coperte dall'Incontro. Questa giovane portoghese ci racconta cosa l'ha spinta ad accettare questa sfida e l'importante lavoro svolto da coloro che donano il loro tempo agli altri al servizio della Chiesa, dell'Ordine e dei loro fratelli e sorelle in Cristo.


Da parte sua, p. Edward Daleng, Assistente generale per l'Africa e membro della commissione organizzatrice di questo IGA, affiancato dai Consiglieri generali p. Javier Pérez Barba e p. Alex Lam, offre una prima valutazione del procedere di questo IGA: "Ci riempie il cuore di gratitudine vedere i giovani agostiniani delle diverse circoscrizioni. Ci aspetta una settimana ricca di attività che ci permetteranno di conoscerci meglio e di approfondire il nostro carisma agostiniano in un momento di sinodalità, di profonda bellezza ecclesiale. Diamo il benvenuto a tutti i giovani provenienti da Cile, Bolivia, Venezuela, Colombia, Porto Rico, Costa Rica, Stati Uniti, Inghilterra, Belgio, Repubblica Ceca, Filippine, Australia e, naturalmente, Portogallo, a questa quindicesima edizione dell'IGA. Che meravigliosa opportunità abbiamo davanti a noi”.





0 commenti

Comments


bottom of page