top of page

P. Alejandro, dopo aver visitato Togo e Benin: "C'è molto aiuto che possiamo dare"



La visita del Priore Generale dell'Ordine in Togo e Benin, dal 15 al 19 maggio, è stata caratterizzata da un'intensa agenda di incontri con la famiglia agostiniana e di opere di apostolato da realizzare in entrambi i Paesi


Accompagnato in ogni momento da p. Martin Davakan, provinciale del Belgio, e da p. Anthony Kanu, provinciale della Nigeria, p. Alejandro ha avuto modo di conoscere da vicino la realtà di questi Paesi, il modo in cui vivono la loro fede e il lavoro vocazionale, educativo e ospedaliero che verrà svolto nei prossimi anni.


"Sono stato sorpreso di trovare la Chiesa praticamente piena alla Messa del primo giorno, con persone così vicine a me. È stata un'esperienza molto bella vedere questa nuova comunità formativa e i progetti che la comunità dei genitori sta portando avanti", racconta P. Alejandro.


Aiuto per la recinzione del centro Augustino Kope e per un ospedale a Cotonou


Dopo il primo giorno di attività, il Priore Generale ha visitato il centro agostiniano Kope di Tsjikplonou, vicino alla città di Lomé, in Togo, per l'inaugurazione di un nuovo spazio multifunzionale. Dopo la benedizione, P. Alejandro ha potuto vedere l'azienda agricola che rifornisce la comunità ed è sostenuta dalla vendita di prodotti agricoli, pregare sulla tomba di padre Jolly, purtroppo scomparso lo scorso anno, e discutere delle sfide e dei problemi che si presentano su un terreno di oltre 10 ettari dove, come racconta padre Martin Davakan nel suo resoconto della visita generale, è prevista la costruzione di una scuola, di un centro di devozione e pellegrinaggio a Santa Rita, di un centro di formazione e di un centro di ritiro per i sacerdoti. "Ma per realizzare tutto questo abbiamo bisogno di fondi", dice don Martin. "Il terreno deve essere protetto e recintato al più presto".


Nei giorni 17-18 maggio, già in Benin, il Priore Generale si è recato in visita - nel suo secondo viaggio nella capitale del Paese - al sito di Cotonou, dove sono previsti una scuola per infermieri e anche un centro ospedaliero.



"La realtà del continente africano rimane una sfida per tutto il mondo e in particolare per l'Europa; dopotutto, noi religiosi siamo solo una goccia in un oceano immenso per rispondere ai tanti bisogni che esistono". P. Alejandro Moral


"Ci sono echi importanti di questi giorni", racconta padre Alejandro. "È pieno di speranza e di gioia vedere che ci sono molti bambini in Africa che possono essere aiutati da queste iniziative. Tuttavia", continua il Padre Generale, "la realtà del continente africano rimane una sfida per tutto il mondo e in particolare per l'Europa; dopotutto, noi religiosi siamo solo una goccia in un oceano immenso per rispondere ai tanti bisogni che esistono".


Durante questa visita generale, il Priore dell'Ordine ha avuto modo di incontrare diversi funzionari ecclesiastici e diplomatici, come l'Arcivescovo di Lomé, Mons. Nicodème A. Barrigah-Bénissan, e l'ambasciatore nigeriano in Benin. Durante questi giorni, P. Alejandro è stato anche con i giovani professi del convento di Santa Rita di Lomé, che sono pienamente immersi nella loro formazione alla vita religiosa e al sacerdozio, e con le suore agostiniane di Calavi: "Entrambi gli incontri - osserva p. Martin - sono stati molto interessanti e arricchenti".




0 commenti

Comments


bottom of page