top of page

Mons. O'Donnel: il vescovo agostiniano al servizio dell'Africa e dell'umiltà

I funerali di p. O'Donnell, morto all'età di 96 anni, si sono svolti a Dublino, in Irlanda, il 12 aprile. Un agostiniano impegnato nello sradicamento della povertà e nella promozione di opportunità educative per i bambini e le famiglie più povere

Dal XV secolo, la presenza dell'Ordine in Africa, in particolare in Nigeria, è stata ininterrotta nel tempo. Verità, interiorità e carità - pilastri agostiniani - hanno guidato, trasformato e reso possibili grandi trasformazioni nella vita di coloro che sono stati toccati dalla luce del Vangelo e dall'azione diretta dei padri e delle suore che sono stati assegnati lì per sostenere la missione della Chiesa nel continente.


È il caso di p. O'Donnel, di origine irlandese, che per buona parte del suo pellegrinaggio sulla terra si è dato anima e corpo per migliorare la realtà della famiglia agostiniana in territorio africano e di coloro che gli erano stati affidati: gli ultimi, gli scartati.


"Era un vero missionario, un uomo di grande umiltà, profondamente radicato nell'Ordine", dice p. Daleng, consigliere generale per l'Africa, presente ai funerali. "Era prima di tutto un insegnante di scuola. Gran parte del suo lavoro apostolico è stato svolto in aree controllate dal gruppo terroristico Boko Haram, il che dà ancora più peso alla sua missione".


Con due religiose e tre fratelli agostiniani, gli insegnamenti del vescovo di Ippona hanno toccato profondamente il cuore di questa famiglia cattolica che ha sparso i suoi figli in tutto il mondo per annunciare la Buona Novella.


Un vescovo semplice


Padre Daleng, che ha conosciuto la vita e l'opera del vescovo di Maiduguri dal 1993 al 2003, data del suo ritiro episcopale, ci racconta com'era la sua vita quotidiana una volta tornato in Irlanda per vivere i suoi ultimi anni come "un frate qualunque".


"Non voleva che nessuno gli lavasse i vestiti o gli facesse la cella. Si occupava di tutto da solo. Non voleva che notassero il suo pettorale, ma il fatto che era solo un altro agostiniano al servizio della Chiesa e della sua comunità".


In una celebrazione funebre molto partecipata e "commovente", alla quale ha partecipato anche l'ambasciatore nigeriano in Irlanda, è stato evidente l'affetto di coloro che hanno avuto l'opportunità di conoscerlo come pastore.


Riposa in pace, Padre.



0 commenti

Commentaires


bottom of page