top of page

Mons. Luis Marín ai giovani dell'IGA: "Dobbiamo essere in prima linea nella Chiesa"



Negli ultimi anni, piani pastorali, lettere episcopali, colloqui, conferenze e incontri come lIGA si sono concentrati su un aspetto essenziale della vitalità della Chiesa: i giovani.


Quali canali esistono e cosa propone l'Ordine per lo sviluppo della sua vocazione nel contesto attuale, lo ha sottolineato monsignor Luis Marín de San Martín OSA, sottosegretario del Sinodo dei Vescovi, nel suo intervento "La gioventù agostiniana e la sfida sinodale ” all'IGA 2023 di Lisbona.


Ricordando dapprima l'esortazione apostolica di Papa Francesco Christus Vivit e che "tutto ciò che Egli tocca diventa giovane, diventa nuovo, si riempie di vita", monsignor Marín ha insistito davanti a un auditorium pieno di ragazzi e ragazze agostiniani provenienti da tutte le parti del mondo sulla predominanza dell'amore, come sottolinea San Paolo in Corinzi 13.



"Nessuno di noi può essere spettatore nella Chiesa"

"La fede non vale assolutamente nulla se non c'è l'amore nella tua vita", ha sottolineato P. Luis Marín. L'amore, espresso con entusiasmo, ci dà una chiave, secondo le parole del sottosegretario del Sinodo, per comprendere "tutta la nostra realtà cristiana". "Non si può essere cristiani se non si prova entusiasmo per Cristo. L'entusiasmo ti fa uscire dal tuo egoismo, ti porta all'evangelizzazione, che è una necessità per ogni cristiano. E non dimentichiamo: abbiamo il compito di essere Cristo in mezzo al mondo. Nessuno di noi può essere spettatore nella Chiesa".


Per monsignor Marín, "se vi fate guidare dalla paura, non sentirete la voce di Dio". È quindi necessario "superare le nostre insicurezze, le caricature, le esagerazioni, le ideologie - così contrarie al Vangelo -, le critiche distruttive senza amore né compassione, e assumere lo scandalo della Buona Novella", che, in breve, non è altro che "rompere con il quadro normativo del momento" a partire dall'amore.


A tal fine, lo Spirito Santo, sottolinea il sottosegretario del Sinodo, ci aiuta a rinnovare la Chiesa, a rinnovare ciascuno di noi, a partire dalla sua luce.


Incoraggiare la collaborazione tra le Circoscrizioni


Prima di concludere il suo intervento, monsignor Marin ha voluto dare ai giovani dell'Incontro Giovanile Agostiniano alcune importanti linee guida per vivere la nostra fede in modo coerente. Per questo è importante conoscere il carisma agostiniano, sapere cosa significa essere agostiniani. D'altra parte, curare l'interiorità e la vita di preghiera, sia personale che comunitaria. Rafforzare i riferimenti alla Sacra Scrittura, unirci a Cristo nell'Eucaristia, collaborare nelle diverse opere di apostolato con tutte le realtà che compongono l'Ordine e rafforzare le collaborazioni intercircoscrizionali e tra i gruppi laici delle comunità agostiniane.


"Siamo una famiglia, non piccoli ordini all'interno dell'Ordine di Sant'Agostino. È una sola. Per questo dobbiamo rivedere le nostre strutture di partecipazione, ripensare le nostre azioni pastorali e avvicinarci alle periferie esistenziali sapendo utilizzare gli strumenti che il mondo digitale ci mette a disposizione".




Messa e veglia di preghiera nel secondo giorno dell'IGA


Questo secondo giorno dell'Incontro Giovanile Agostiniano è stato caratterizzato dai laboratori culinari, di danza, di percussione, di preghiera e di arte che l'organizzazione ha organizzato in questi giorni per completare la formazione e l'esperienza dei giovani dell'IGA. Dopo la conclusione dei laboratori, i membri dell'Incontro si sono avviati verso la Chiesa di Portela, portando le loro bandiere e i loro canti per le strade di Santa Iria de Azóia, per assistere insieme alla Santa Messa in comunità.


Dopo la cena, è stato il momento della Veglia di preghiera. Davanti a Cristo nel Santissimo Sacramento, nel suo ostensorio, illuminati dalle candele e dagli arpeggi della chitarra, gli agostiniani hanno vissuto un momento di intima vicinanza al Signore, a cui ha potuto partecipare anche il Priore Generale, P. Alejandro Moral, che è appena atterrato a Lisbona e che sarà con i giovani agostiniani durante questi giorni.











0 commenti

Comentarios


bottom of page