top of page

I bambini e le madri di San Agustin de Baseco: il Vangelo incarnato nella più grande baraccopoli di Manila



Tra le 80.000 anime che si affollano intorno al porto di Manila, gli Agostiniani continuano a lasciare il segno nella vita quotidiana di questa immensa e labirintica baraccopoli a distanza di quasi cinque secoli. Fondato su dighe di legno esposte alle onde oleose e tabernacoli coperti per isolare il Signore dall'umidità, Baseco sorge nella grande baia di plastica delle Filippine, uno spazio di emarginazione e abbandono dove gli agostiniani servono i loro vicini attraverso una chiesa parrocchiale e più di 30 cappelle distribuite tra torri di cemento e cavi volanti.


Queste cappelle sono frequentate dalle madri di famiglia e dai loro figli.


Conosciamo parte della loro storia da padre Randolf Celso Dayandayan, maestro dei postulanti della Provincia del Santissimo Nome di Gesù nelle Filippine, che da 15 anni visita queste comunità settimana dopo settimana.



La parrocchia di Santo Niño de Baseco è a capo di 32 cappelle.


Da lì, tre sacerdoti e una vivace comunità di laici sostengono questo apostolato. Si mobilitano per rispondere alle diverse necessità pastorali, assistenziali e mediche richieste nella zona.


Le donne affiliate alla parrocchia di Sant'Agostino sono le principali responsabili della gestione quotidiana delle cappelle, della loro manutenzione e del fatto che tutto sia pronto e preparato per le attività ordinarie e per la celebrazione dell'Eucaristia la domenica.


“Senza gli Agostiniani tutto questo non sarebbe possibile”, ci dicono dalla cappella di San Rocco. “Siamo molto grati per la loro presenza, l'accompagnamento e l'affetto di padre Randolf”.



La speranza in un futuro condiviso

“Ogni sabato e domenica, da quindici anni, veniamo qui a tenere lezioni di catechismo a bambini e adulti”, ci dice padre Celso Dayandan mentre percorriamo le strette e soffocanti - per l'umidità, il caldo e le zanzare - arterie del Porto.


È sorprendente il numero di scolari che vagano liberamente durante l'orario scolastico, cercando di guadagnarsi da vivere per sostenere l'economia impoverita delle loro famiglie.


Vogliamo aiutare questa comunità a guardare al futuro con speranza, a sapere che non sono soli”. “Coloro che riescono a uscire da Baseco rimangono profondamente legati alle loro famiglie e alle loro case. Partono per cercare opportunità”.


Circa un quarto dei 12 milioni di abitanti di Manila è considerato “abusivo informale”. Per le autorità, gran parte di questa popolazione vive ai margini della società e non viene considerata nel censimento e nell'accesso ai servizi di base. “Sono i dimenticati".


Tutte le cappelle si sono coordinate per la celebrazione della Festa del Santo Niño, invitando alla preghiera della novena e alla partecipazione alle azioni liturgiche di quei giorni. “La preghiera ci mantiene forti, uniti e felici per la nostra fede”.


Le inondazioni permanenti della zona, dovute alla mancanza di un sistema di drenaggio e canalizzazione, hanno chiuso questa cappella per mesi.


Le prossime generazioni devono raccogliere la sfida di sostenere la fede cattolica a Baseco", dice padre Randolf parlando alla comunità della cappella di Santa Rosa. “Hanno l'impegno di accogliere coloro che verranno”.





0 commenti

Komentarze


bottom of page