top of page

Gregor Mendel, i "fallimenti" dello scienziato agostiniano che portarono alla scoperta di una nuova scienza

Ci immergiamo nell'Abbazia di San Tommaso a Brno e nel Museo di Gregor Mendel. Con il sostegno della comunità di frati agostiniani che ne custodiscono l'eredità e con il prezioso lavoro dell'ex Priore Generale e grande conoscitore del padre del "patrimonio genetico", P. Miguel Angel Orcasitas, scopriamo l'uomo dietro i suoi esperimenti; l'abate affabile, il professore frustrato, il genio che ha ampliato la scienza.



La vita, l'opera e l'eredità di Gregor Mendel continuano ancora oggi, a 140 anni dalla sua morte, a essere un libro aperto a cui si aggiungono pagine di circostanze, prospettive e difficoltà nel suo itinerario di religioso e scienziato. Il suo prestigio mondiale come ricercatore si basava sulla sua grande ricerca ed enorme attività scientifica e multidisciplinare. Si interessò a molti campi, applicando il rigore del suo metodo e la scrupolosità dei suoi appunti a settori come la meteorologia, l'apicoltura, la misurazione dell'acqua sotterranea, l'osservazione delle macchie solari o l'ibridazione di più specie vegetali. Tuttavia, fu nei suoi esperimenti sui piselli che raggiunse l'importanza per cui è oggi riconosciuto. 


Ma cosa sappiamo della vita di Gregor Mendel come abate di Brno, del suo compito pastorale, dei tanti ostacoli e contrarietà che hanno forgiato il suo carattere? 

P. Miguel Angel Orcasitas, in una conferenza condivisa con i frati dell'Abbazia di San Tommaso a Brno alla fine del 2022, ci mostra le qualità di questo agostiniano che "di fronte alle delusioni non si è lasciato scoraggiare, ma ha saputo indirizzare la sua attività verso qualcosa di utile in ogni momento".


Questa è la sua storia. 


Problemi economici e l’inizio della vocazione


Dopo la scuola elementare a Heinzendorf, il villaggio in cui nacque il 22 luglio 1822, il parroco e il suo insegnante incoraggiarono i genitori di Iohann a proseguire gli studi, perché aveva una mente molto brillante. Tra gli 11 e i 21 anni, i risultati accademici di Mendel furono eccezionali, in particolare alla maturità, dove ottenne il massimo dei voti in quasi tutte le materie e i concetti. 


Le difficoltà economiche causate dall'incidente di lavoro del padre portarono Mendel, fin da giovane, a dover conciliare studio e lavoro. “La sua giovinezza movimentata gli fece presto conoscere il lato serio della vita e gli insegnò anche a lavorare".  Come nota padre Orcasitas, "è possibile che questa mancanza di mezzi abbia influito sulla realizzazione della sua vocazione sacerdotale all'interno dell'Ordine, dove poteva continuare i suoi studi ecclesiastici senza l'angoscia del sostentamento quotidiano". Fu il suo insegnante di fisica Friedrich Franz, incaricato dall'allora abate degli Agostiniani di Brno, a offrire ai suoi studenti la possibilità di entrare nel monastero. Mendel e un altro candidato risposero all'invito, ma Franz raccomandò solo Mendel, che considerava un giovane di eccellenti capacità intellettuali e "di carattere molto solido", il più straordinario dei suoi allievi.


I problemi dell'ospedale e i ripetuti fallimenti accademici


Poco dopo la sua ordinazione sacerdotale nel 1847, Mendel fu assegnato al ministero parrocchiale e gli fu affidata la cura dell'ospedale. La sua natura impressionabile lo porta ad ammalarsi alla vista dei pazienti che cura. Per questo motivo, l'abate lo ritirò da questa attività, indirizzandolo verso l'insegnamento. Iniziò come supplente di letteratura latina, greca e tedesca a Znojmo, fuori dalla città di Brno, e svolse i suoi compiti "in modo molto soddisfacente".

  

Secondo una disposizione di legge del Ministero della Cultura e dell'Istruzione, per insegnare nelle scuole statali era necessario un diploma di professore ordinario. Mendel sostenne l'esame davanti a una commissione di esaminatori a Vienna. Ma la sua formazione in fisica, scienze naturali o biologia era ancora molto scarsa e da autodidatta. Pur avendo ottenuto buoni risultati in alcune prove di fisica, non superò il concorso. 


Tornò a insegnare come supplente, ma l'abate lo mandò subito a Vienna per due corsi di studi universitari nelle materie che avrebbe studiato in futuro.




"Grazie a questo primo fallimento, Mendel imparò molto e ricevette una solida formazione con scienziati di fama. Al monastero, Mendel conobbe le preoccupazioni e la bibliografia degli sperimentatori dell'ibridazione e i problemi pratici posti dall'ereditarietà, ma senza le conoscenze acquisite a Vienna e senza il contatto con i teorici dell'ereditarietà, sarebbe stato difficile per lui organizzare la metodologia irreprensibile della sua sperimentazione, o stabilire la sintesi tra pratica e teoria che costituisce il suo formidabile contributo al problema dell'ereditarietà", dice Padre Orcasitas


Dopo aver completato la sua formazione a Vienna, tornò a Brno e continuò a insegnare come professore supplente. Voleva sottoporsi nuovamente all'esame per la cattedra completa, ma non poté farlo a causa della sua debolezza fisica. Gli esami scritti furono valutati come magnifici, ma a metà dell'esame ebbe una crisi, "probabilmente epilettica", e dovette tornare al convento a mani vuote. 


D'ora in poi non ci proverà più. In quel periodo stava già lavorando al suo colossale esperimento.  Fino alla sua nomina ad abate, per quattordici anni è stato un supplente altamente qualificato. "Il suo comportamento è stato, a detta di tutti, eccellente. Pieno di un amore sincero e cordiale per la gioventù, sa come mantenere la disciplina con mezzi semplici. Il suo discorso era chiaro, logico e completamente adattato alla capacità di comprensione dei giovani", ha dichiarato la direzione dell'Oberrealschule Imperial. "Era così felice e amorevolmente dedito alla sua professione; trattava sempre la materia in modo così piacevole e attraente che non si vedeva l'ora che arrivasse la lezione successiva", hanno detto i suoi alunni. 


"Era un uomo con la testa grossa, la fronte alta e gli occhiali dorati, dietro i quali si intravedevano occhi azzurri amichevoli ma penetranti. Indossava quasi sempre lo stesso costume, l'abito civile dei monaci: una chistera in testa, una lunga tonaca nera, il più delle volte troppo larga, e pantaloni corti che si infilavano in alti e solidi stivali"

Il sacerdozio di Mendel e il suo lavoro scientifico


La crescita della sua vocazione religiosa andò di pari passo con lo sviluppo della sua vocazione sperimentale. “Esistono schizzi autografi di omelie", dice P. Miguel Ángel, "che riflettono un sacerdote dottrinalmente ortodosso e religiosamente sensibile, che trasmetteva la dottrina e la morale cattolica con immagini tratte dalla natura, in un linguaggio vivace e comprensibile".


Irrequieto e sempre preoccupato per "il bene spirituale dei religiosi della comunità", P. Miguel Ángel non esita a segnalare le fonti bibliografiche di quelle testimonianze altrui che parlano del suo impeccabile spirito sacerdotale e religioso; della sua comprensione, della sua vocazione al servizio e della sua estrema generosità verso i poveri, "che aiutava senza far sentire loro il peso dell'aiuto". 


"Si può dire che Mendel è stato il grande scienziato che conosciamo oggi perché era un frate dell'abbazia agostiniana di Brno"  

L'ambiente dell'abbazia e la sua singolarità, unica nell'Ordine, dato che non c'è mai stata né c'è oggi nessun'altra abbazia agostiniana, fu cruciale per lo sviluppo di padre Gregor in questa doppia vocazione. Una parte della comunità di frati si dedicava al ministero parrocchiale, mentre il resto insegnava nelle classi e si impegnava nella ricerca scientifica, di solito in materie non ecclesiastiche.  Il fatto che buona parte dei sacerdoti agostiniani svolgesse il proprio lavoro al di fuori delle mura dell'abbazia, "li portava a relazionarsi con la società circostante e a essere presenti nelle preoccupazioni culturali e sociali del loro ambiente". 


Il confronto con il vescovo di Brno e la riforma della comunità


"Tutti i vecchi ordini stavano attraversando un periodo di declino religioso", racconta P. Orcasitas. È in questo contesto che i vescovi boemi chiesero alla Santa Sede una visita apostolica. Il cardinale di Praga, il principe Schwarzenberg, incaricò il vescovo di Brno, il conte di Schaaffgostsche, di visitare gli agostiniani per riformarli. Il vescovo espresse la sua insoddisfazione per l'attività dell'abbazia, giudicandola eccessivamente secolare. Secondo il vescovo, si tratta di "una società di uomini che, occupati nella cura pastorale e nella coltivazione delle lettere, si dedicano all'esercizio di funzioni pubbliche" (...) "desiderano essere utili, ma dimenticano l'essenza dello stato regolare; mentre raccolgono meriti con la coltivazione delle scienze e le loro opere, ignorano la milizia religiosa, le meditazioni e le mortificazioni claustrali". 


Forse il suggerimento del vescovo di sopprimere il convento non fu ascoltato perché esagerato ed eccessivo. Sebbene ci fossero alcune irregolarità nell'organizzazione della vita comunitaria, come "la scarsità di preghiere o carenze nella vita comune che nuocevano al voto di povertà", la comunità non era disposta a rinunciare alla sua dedizione scientifica ed era disposta a riparare ai comportamenti scorretti, evitando gli eccessi e organizzando la vita dei frati con maggior rigore religioso. Mendel dirà in seguito, da abate, che la dedizione alla scienza, nei suoi vari aspetti, è sempre stata uno scopo principale del monastero, indipendentemente dal fatto che avesse bisogno di riforme. Egli stesso, con un certo senso ascetico, rinunciò all'uso di alcuni dei privilegi concessigli come abate per promuovere la vita comunitaria. 



Un'eredità per la storia


Trascorse due anni a preparare il materiale per il suo esperimento più noto, quello sui piselli, finché non fu sicuro di lavorare con razze pure. Manipolò più di 27.000 piante e ne incrociò pazientemente un gran numero, un lavoro ingrato e visivamente estenuante. Quando scoprì la relazione matematica tra i caratteri ereditati, grazie all'ampiezza della sua sperimentazione, la riassunse in una pubblicazione di 45 pagine, dando conto dei nove anni di lavoro. Solo il rigore scientifico e la convinzione di giungere a conclusioni importanti possono spiegare la sua accuratezza, il suo metodo e la sua pazienza. 


Il 30 marzo 1868, all'età di 45 anni, fu nominato abate del monastero con voto unanime della comunità. Sebbene inizialmente pensasse che, rinunciando all'insegnamento, avrebbe avuto più tempo per la ricerca, il tempo gli dimostrò l'incompatibilità tra il lavoro scientifico e quello burocratico. L'abate di Brno - una carica a vita, di rango quasi episcopale - era una delle figure di spicco della città e i suoi impegni sociali occupavano gran parte del suo tempo.


Poco dopo intraprese una lite con il governo che gli tolse la pace e la salute. Il mondo liberale reagì violentemente alle definizioni del Concilio Vaticano I e all'atteggiamento generale del pontificato. In Austria, approfittarono di questa ondata per cercare di controllare la Chiesa mettendo le nomine ecclesiastiche nelle mani dello Stato e stabilendo una nuova politica fiscale. Nel 1874, in quest'ultimo contesto, vennero imposte pesanti tasse ai monasteri per provvedere al clero secolare. Mendel si oppose apertamente a questa disposizione, che privava il monastero di un quarto delle sue entrate, in quanto arbitraria e lesiva dei diritti di proprietà che, a suo avviso, dovevano essere uguali per tutti. Si batté tenacemente e non si piegò né agli onori conferitigli come abate, né ai gesti di fiducia del governo, fatti per conquistare la sua volontà, come la nomina a presidente della Banca Ipotecaria di Moravia, né ai compromessi "onorevoli" che eccezionalmente esentavano il monastero dal pagamento, senza cambiare la legislazione o la sua filosofia. Mendel voleva la rettifica delle disposizioni legali, e non solo il rispetto dei beni del monastero. 


Dal silenzio della comunità scientifica all'eredità del Nobel 


Mendel morì il 6 gennaio 1884. 


Dovette vivere la grande delusione del silenzio con cui il suo lavoro fu accolto dal mondo scientifico. Probabilmente era in anticipo sui tempi, perché solo 34 anni dopo la pubblicazione dei suoi risultati e 16 anni dopo la sua morte la comunità scientifica internazionale riconobbe l'importanza delle sue scoperte. Tuttavia, Mendel era pienamente convinto della validità del suo lavoro. Pochi mesi prima della sua morte, pronunciò una frase che riflette chiaramente questa convinzione:


"Sebbene abbia dovuto soffrire molti momenti amari nella mia vita, devo riconoscere con gratitudine che le cose buone e piacevoli hanno prevalso. Il mio lavoro sperimentale mi ha dato molte soddisfazioni e sono convinto che, tra non molto, il mondo intero apprezzerà i risultati delle mie ricerche". 

Nonostante abbia dovuto lottare con la povertà, la malattia, il fallimento accademico o l'incomprensione, e le circostanze abbiano cambiato la sua dedizione in diverse occasioni, rimase sempre un uomo di carattere, capace di orientare la sua vita in modo utile e fruttuoso per sé e per gli altri. Solo le occupazioni come abate e le controversie legali che lo misero di fronte al governo gli fecero perdere la capacità, la serenità e il tempo per la sua calma, paziente e tenace ricerca scientifica, che caratterizzò tutta la sua vita.


Dai suoi saggi, appunti, esperimenti e conclusioni sono nati innumerevoli gruppi di ricerca, tesi di dottorato e due premi Nobel, come quello assegnato nel 2012 a Robert J. Lefkowitz e Brian K. Kobilka dall'Accademia di Svezia per i loro studi sulle proteine G e i loro recettori.


Mendel", conclude padre Orcasitas, "era un religioso onesto che ha dimostrato con la sua dedizione scientifica dalla sua vocazione religiosa, la possibile compatibilità tra scienza e fede". 






0 comments

Comments


bottom of page