top of page

Echi dello storico primo Capitolo provinciale intermedio di San Giovanni di Sahagún

Nei primi giorni di febbraio si è tenuto, nel Real Seminario dei Padri Agostiniani di Valladolid in Spagna, il primo Capitolo Provinciale Intermedio (IPC) della Provincia di San Giovanni di Sahagún dalla sua nuova configurazione



All'incontro hanno partecipato 28 frati e l'Assistente generale per l'Europa meridionale e Presidente del Capitolo, p. Javier Pérez Barba, che nella Messa inaugurale ha incoraggiato tutti i partecipanti "a realizzare nuovamente il primato della fede" e a lasciarsi "aiutare dalle spalle che hanno portato la croce della redenzione dell'umanità", accettando che la speranza che scaturisce dalla sorgente della fede è "attesa di ciò che non è nelle nostre mani". "Riposare nello Spirito Santo è l'unico modo possibile per affrontare con serenità, pace e gioia le sfide, le croci, gli ostacoli, le richieste che incontreremo nel nostro cammino di fedeltà alla nostra consacrazione". Così il Consigliere generale ha fatto riferimento a Sant'Agostino durante l'omelia per ricordare che nei momenti di debolezza è la spiritualità della Grazia che deve essere presente nella vita del religioso.



Vocazioni, presenze e collaborazione tra le circoscrizioni


In una giornata segnata dal freddo e dalle basse temperature nella città castigliana, il Capitolo è iniziato con il discorso inaugurale del Presidente del Capitolo. Sono seguite le consuete questioni di ordine, programmazione e amministrazione, al termine delle quali P. Domingo Amigo, Priore Provinciale, ha avuto modo di presentare una relazione dettagliata sullo stato della Provincia. Sono così iniziati questi giorni di preghiera, riflessione e discernimento comunitario, guidati da tre assi cardinali: la ristrutturazione delle presenze e delle comunità, la promozione delle vocazioni e la collaborazione tra vicariati e delegazioni.


Durante le sessioni successive, i vari consiglieri hanno presentato all'assemblea il lavoro svolto nelle varie commissioni. Vita religiosa e formazione iniziale, pastorale, missioni, vocazioni e nuova evangelizzazione, educazione e studi ed evangelizzazione della cultura sono stati alcuni dei temi trattati. C'è stato spazio anche per valutare la situazione economica della Provincia e per ascoltare le prime relazioni dei vicariati regionali. Questi sono stati: Antille, presentato da P. Quirilio; Argentina, preparato da P. Angel; Iquitos, firmato da P. Antonio e India, per il quale ha partecipato P. Wilson.



Un ricordo per i frati morti dalla creazione della Provincia


Il secondo giorno di questa IPC ha coinciso con la Giornata per la Vita Consacrata, che ha offerto l'opportunità di ricordare i confratelli defunti dalla creazione della Provincia. In tutto 48 frati, per il cui riposo eterno nella gioia del Signore i padri capitolari hanno offerto la Messa.


Dopo la celebrazione eucaristica, sono proseguite le relazioni dei vicari regionali, dove sono stati presentati ulteriori dettagli sulle realtà di Panama, Tanzania e Venezuela.


Poi, secondo il programma stabilito, sono stati affrontati i temi di studio proposti dal Consiglio provinciale: la ristrutturazione delle opere e delle attività in Spagna, la promozione delle vocazioni e le sfide da affrontare in questo ambito in un mondo secolarizzato dove manca la risposta alla chiamata di Cristo, e la collaborazione tra vicariati e delegazioni, su cui il Padre Generale ha insistito in tante occasioni, con la partecipazione dell'Assistente generale per l'America Latina, p. Alex Lam.


Questo Capitolo provinciale intermedio è stato anche l'occasione per approfondire la bellezza dell'amore fraterno nelle comunità, la sua promozione e la necessità di un lavoro quotidiano di preghiera per continuare ad accompagnare il mondo di oggi - soprattutto i giovani - in questo momento che la Chiesa sta attraversando.




0 commenti

Comments


bottom of page