top of page

P. Alejandro celebra il suo giubileo d'oro in Spagna con altri dodici agostinia

Il 24 giugno si è svolto il cinquantesimo anniversario della professione semplice del Priore Generale nel Monastero di Santa María de la Vid, nella provincia di Burgos, in Spagna.

Sono passati 50 anni dalla sua semplice professione. Una vita intera donata al Signore nell'Ordine. Un lungo percorso di vita nell'esercizio della sua vocazione, ricco di esperienze, di momenti di gioia, di felicità e di duro lavoro per estendere il Regno di Dio.


In un'atmosfera celebrativa, circondato dai suoi compagni, P. Alejandro ha fatto riferimento nell'omelia ai dodici agostiniani che, come lui, hanno rinnovato in quel giorno il loro primo clamoroso "sì" al Signore. "Alcuni di voi sono stati professati 25 anni fa, altri celebriamo i 50 anni della nostra prima professione e altri ancora sono stati ordinati sacerdoti oggi. Ma tutti noi qui, non solo quelli citati, siamo stati chiamati a una vocazione e abbiamo una missione da svolgere".


Rompere la sordità


Nella sua allocuzione ai frati e familiari presenti, P. Alejandro ha ricordato le parole di Sant'Agostino quando la chiamata di Gesù "ha rotto la sua sordità". "Dio ci chiama perché ci ama e perché ama le persone a cui ci ha mandato".


"La festa che alcuni di noi celebriamo oggi è la nostra vocazione, che è il motivo e la ragione che dà senso alla vita umana. Chi vive senza conoscere la propria vocazione è come chi vive senza una chiara identità", ha sottolineato P. Alejandro. "Dio ha un progetto per ogni persona e scoprire il suo amore fa parte dell'esistenza umana. Una volta trovato il tesoro, non vogliamo perderlo e tutti gli altri beni sono accidentali. Per questo promettiamo l'obbedienza all'Amore eterno, la povertà, per dare agli altri la ricchezza di Dio, come Gesù che si è donato fino a morire sulla croce, e la castità per condividere questo Amore con tutti gli esseri umani in fraternità".


“Preghiamo il Signore”, ha proseguito il Priore Generale, "per ciascuno di noi e per il tesoro imperituro della nostra vocazione; preghiamo per coloro che quel giorno hanno fatto la professione o sono stati ordinati al nostro fianco e, dopo aver combattuto bene la loro battaglia, hanno ora chiuso gli occhi su questo mondo nella speranza di aprirli alla Bellezza sempre antica e sempre nuova che li ha fatti per sé e li ha voluti per sé", e ha concluso dicendo: "Rendiamo grazie a Dio perché ha adornato l'offerta del nostro imperfetto dono di sé con i doni della perseveranza e della fedeltà".


Dopo l'atto liturgico, i frati e le loro famiglie hanno avuto l'opportunità di condividere un momento di relax e di gustare un pasto in un'atmosfera festosa e rilassata nella sala da pranzo del Monastero di La Vid.



0 commenti

Kommentare


bottom of page